Legge elettorale, blitz per il collegio unico. Cavaliere: "Uno scempio"

Valutazione attuale: 5 / 5

Stella attivaStella attivaStella attivaStella attivaStella attiva
 

Il via libera in Prima Commissione scatena lo sdegno del vicepresidente che annuncia battaglia in Aula: “Il centrosinistra non rispetta le regole”


CAMPOBASSO. “Stamane si è consumato in I Commissione l’ennesimo strappo di questa maggioranza alle regole democratiche”. Duro il commento del consigliere regionale Nicola Cavaliere, alla scelta di approvare l’articolo 3 della nuova legge elettorale che prevede un solo collegio elettorale.

A favore hanno votato Monaco, Niro, Sabusco, Di Pietro e Di Nunzio, “quest’ultimo esponente di quel Pd – ricorda Cavaliere - che in assemblea a Termoli aveva deliberato la scelta di tre collegi elettorali. Si è rinunciato al confronto con le minoranze di Palazzo D’Aimmo e con i cittadini per cercare una convergenza massima sulle regole di elezione dell’Assemblea regionale, che dovrebbero essere di garanzia per tutti. Il collegio unico - spiega il consigliere regionale - non favorisce la giusta ed equilibrata rappresentanza del territorio molisano in Consiglio regionale, ma serve solo a tutelare potentati secondo calcoli fatti a tavolino e contro ogni logica”.

“Mai i padri fondatori, - incalza l’esponente di Forza Italia - che hanno contribuito alla nascita della Regione Molise, avrebbero lottato per l’autonomia, se avessero saputo che dopo 50 anni una classe politica avrebbe calpestato le regole e i principi base di democrazia. Con una maggioranza, tra l’altro in fase di evidente declino e ormai praticamente azzoppata, che antepone i propri miseri tornaconti elettorali al bene comune”.

“Una decisione - tuona il vicepresidente del Consiglio - che ovviamente contribuisce ad aumentare la distanza tra politica e popolo ma che probabilmente alla fine si ritorcerà contro coloro che pensano di poter conservare il potere con furbizia ed arroganza. Il sottoscritto - a nome di Forza Italia, che in maniera unanime condivide le mie posizioni - in Aula si batterà per contrastare l’intero impianto della legge”.