Isernia, ‘ModaImpresa’ nell’olimpo delle eccellenze molisane

Valutazione attuale: 0 / 5

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva
 

L’importante riconoscimento è stato consegnato al manager Romolo D’Orazio durante la cerimonia a Campobasso dedicata alla ‘Giornata dell’Emigrazione’



ISERNIA. ‘Un premio a chi quotidianamente si è impegnato portando onore e lustro al nostro Molise’. Nuovo e importante riconoscimento per ‘ModaImpresa’, premiata a Campobasso nell’ambito della cerimonia dedicata alla ‘Giornata dell’Emigrazione Molisana’, giunta quest’anno alla sua terza edizione e ospitata presso l’auditorium dell’Ex Gil.

Dieci i premi conferiti alle ‘eccellenze molisane’, che nel corso dell’anno che sta per concludersi si sono distinte a livello nazionale e internazionale.
Tra queste l’azienda isernina, con sede nell’area Pip di Miranda, guidata dal manager Romolo D’Orazio, nata dalle ceneri dell’Ittierre, grazie all’impegno di ex dirigenti e dipendenti che hanno investito su se stessi e sul proprio know how. In poco tempo è riuscita ad imporsi sul panorama nazionale, non solo per le proprie creazioni di moda ma anche come esempio di autoimprenditorialità, studiato addirittura nelle scuole del Bel Paese.

premio modaimpresaIl premio è stato conferito dal presidente della Giunta Regionale e dal Presidente del Consiglio Regionale.  "La voglia di riscatto – si legge nella motivazione - , l’impegno e la determinazione di rilanciare un settore permeato di professionalità e competenza con una forte connotazione molisana. Una nuova realtà imprenditoriale nata dalla passione e dal desiderio di dare concretezza ai sogni!".  "La motivazione del Premio - ha sottolineato D'Orazio - ci rende fieri del nostro lavoro".

La società ha anche un proprio brand: Le Tonerre Studio, nato dall’incontro e dal consolidamento del rapporto tra il manager D’Orazio e il direttore creativo Tony Ranalli, designer di fama internazionale. Inoltre, vanta collaborazioni con brand del calibro di Costume Nazional, John Richmond, Matteo Manzini, Atos Lombardini, Aspera e Vicoli Santi.