Bando Periferie, il Comune di Isernia a un passo dal finanziamento

Valutazione attuale: 0 / 5

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva
 

La giunta di palazzo San Francesco ha approvato lo schema di convenzione propedeutico alla ricezione di oltre 10 milioni di euro per la realizzazione di 18 interventi di riqualificazione urbana


ISERNIA. È quasi fatta. Il Comune di Isernia è in procinto di ricevere l’atteso finanziamento di oltre 10 milioni di euro nell’ambito del Bando Periferie, atto a realizzare in città ben 18 interventi di riqualificazione urbana. 

Con deliberazione n. 71 dello scorso 4 dicembre, la giunta comunale di palazzo San Francesco ha, infatti, approvato lo schema della convenzione proposta dal Segretariato Generale della Presidenza del Consiglio dei Ministri e propedeutica alla concessione dei fondi.

Il Comune di Isernia – si ricorda - ha partecipato al bando, candidando il proprio progetto integrato. Quest’ultimo è stato giudicato favorevolmente dalla Commissione di Valutazione costituita presso la Presidenza del Consiglio dei Ministri, classificandosi all’86° posto fra i 120 progetti vincitori presentati dalle città metropolitane e dai capoluoghi di provincia italiani. Un risultato positivamente commentato dal primo cittadino pentro che ha anticipato il contenuto di alcuni degli interventi in programma.

“Il finanziamento che lo Stato sta per erogare al nostro Comune – ha dichiarato il sindaco Giacomo d’Apollonio – ammonta a 10.644.000 euro che, insieme ad altre risorse pubbliche e private, coprirà i costi necessari alla realizzazione di tutti gli interventi previsti nel progetto, per un importo complessivo di oltre 14 milioni di euro. Gli interventi, per i quali sarà necessario approvare i progetti definitivi ed esecutivi prima di procedere all’affidamento – ha aggiunto d’Apollonio –, riguardano la realizzazione del museo emozionale e della sede dell’alta formazione e della finanza innovativa all’interno del complesso dell’auditorium Unità d’Italia, il recupero di una serie di edifici comunali già destinati alla didattica ed al social-housing, la valorizzazione a fini ricreativi e sportivi di spazi pubblici di interesse ambientale e insediativo, l’integrazione di infrastrutture ciclabili e per il traffico, azioni di welfare, economia circolare e tutela ambientale attiva, nonché interventi finalizzati alla creazione del parco progetti, all’instaurazione di partenariati pubblico-privati e ad indagini conoscitive del contesto territoriale utili al fine della partecipazione ai prossimi bandi di finanziamento”.

Inoltre, l’amministrazione comunica di aver reso disponibili tutti gli atti del procedimento sul sito istituzionale del Comune, alla pagina Politiche Pubbliche, e informa di essere pronta ad indire “nuovi laboratori di partecipazione attiva, in prosecuzione di quelli già tenuti nel corso degli ultimi mesi e che si sono dimostrati determinanti per il conseguimento dell’ottima posizione in graduatoria”.