Ap, divorzio dolce in casa Alfano: e in Molise Nagni ‘conferma’ Frattura

Valutazione attuale: 0 / 5

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva
 

ULTIM’ORA/ Equilibri immutati in regione, con l’assessore che può ribadire il proprio sostegno a Frattura a pochi minuti dal termine della direzione nazionale del movimento del ministro degli Esteri. La corrente del quale resterà a sostegno del centrosinistra al governo


di Pasquale Bartolomeo

ROMA.  Alternativa popolare si scinde, ma resta nel centrosinistra. E a cascata, a livello locale, gli effetti del cosiddetto ‘divorzio dolce’ in casa Alfano si fanno sentire anche in Molise.

Alle 20 circa,  pochi minuti dopo il termine della direzione nazionale del movimento facente capo al ministero degli Esteri, gli effetti della separazione consensuale messa nero su bianco a Roma non spostano gli equilibri in terra molisana. Con l’assessore Pierpaolo Nagni che, in vista delle Regionali, continuerà a giocare in casa, alleato del governatore Paolo Frattura. Contattato telefonicamente, il coordinatore regionale di Ap conferma il proprio sostegno al presidente della Regione: “Siamo nel centrosinistra in Molise e ci restiamo, coerenti con l’indirizzo del nostro leader Alfano”. Ora toccherà convocare il partito e comunicare le indicazioni al numeroso drappello di sindaci e amministratori che hanno condiviso il progetto fin dall'inizio. Ma a quanto punto è solo una formalità e i giochi sono belli che decisi. 

A Roma, invece, resterà da capire se coloro i quali hanno invece deciso di spostarsi nel centrodestra di Berlusconi – con in testa Lupi Formigoni  – potranno chiedere la deroga per l’utilizzo del simbolo di Ncd, anche a livello locale. Una circostanza, tecnicamente, tutta ancora da chiarire. E che sarà affrontata da un'apposita commissione. Certo è che l’esperienza di Ap come movimento unito nel governo Gentiloni è ormai da consegnare alla storia. Nessuna lite, dunque, ma strade separate: Alfano da un lato (con Renzi, senza ricandidarsi), Lupi dall’altro (Con Fitto e Parisi e l’eterno Berlusconi). I gruppi parlamentari, tuttavia, restano e garantiranno l'uso del simbolo ai due blocchi.

 

Change privacy settings