Emergenza neve 2017: risarcimenti in arrivo, Frattura annuncia l’erogazione dei contributi

Emergenza neve 2017: risarcimenti in arrivo, Frattura annuncia l’erogazione dei contributi

Valutazione attuale: 0 / 5

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva
 

Questa sera l’incontro tra il governatore e i sindaci molisani per la firma delle convenzioni. La Protezione civile nazionale ha stanziato risorse per 4,6 milioni di euro


CAMPOBASSO. Su disposizione della Protezione civile nazionale, al via il risarcimento dei danni subiti dal territorio molisano durante l’emergenza neve 2017. In arrivo i fondi ai Comuni e alle Province. E questa sera, a Palazzo Vitale, il governatore, Paolo di Laura Frattura, ha incontrato decine di sindaci e i presidenti dei due enti provinciali per annunciare l’erogazione dei contributi e per la firma delle convenzioni.

La Protezione civile nazionale, – si apprende - con un’apposita ordinanza dello scorso autunno, ha quantificato in 5,4 milioni di euro i danni da risarcire al Molise; ha poi assegnato risorse per 4,6 milioni in quanto per alcuni interventi si sono resi necessari chiarimenti tecnici e approfondimenti documentali, pertanto l’iter non è ancora concluso. Il 50 per cento delle risorse è già stato accreditato e dunque la Regione procederà entro febbraio al trasferimento dei fondi ai Comuni che rendiconteranno le spese sostenute per gli interventi già realizzati nei mesi scorsi.

Per quanto riguarda invece i lavori in corso o da avviare ancora, durante l’incontro sono state firmate quaranta convenzioni con Comuni e Province. I tempi, pare, saranno comunque rapidi anche in questo caso: le spese dovranno essere rendicontate entro il 30 aprile perché lo Stato di emergenza terminerà il prossimo 11 giugno.

neve3“Sono procedure chiare per arrivare velocemente a liquidare le risorse – ha evidenziato il presidente Frattura - Oggi abbiamo firmato le convenzioni definendo il tipo di intervento, l’importo e i tempi per il ristoro delle spese sostenute da ogni singolo Comune. Lo Stato di emergenza finirà a giugno e l’obiettivo è quello di chiudere la gestione dell’emergenza del 2017 entro quel mese. Con tempestività - ha infine ricordato il governatore – abbiamo risolto anche le questioni relative alle nevicate del 2015, mentre resta in piedi la vertenza neve del 2012. Per quest’ultima abbiamo dovuto ricostruire una dotazione finanziaria che non esisteva, ma, così come ci eravamo impegnati, abbiamo stanziato ora in bilancio 1,2 milioni per il saldo ai Comuni, quindi, una volta approvato il bilancio, si potrà procedere alla liquidazione”.

Privacy Policy