Di Maio a Isernia: “Al fianco di Andrea per una Regione a 5 Stelle”. E Greco attacca Patriciello: “Ha sempre deciso per il Molise”

Di Maio a Isernia: “Al fianco di Andrea per una Regione a 5 Stelle”. E Greco attacca Patriciello: “Ha sempre deciso per il Molise”

Valutazione attuale: 5 / 5

Stella attivaStella attivaStella attivaStella attivaStella attiva
 

Il leader grillino infiamma la piazza pentra. Impegno per il cambiamento con sanità pubblica e più lavoro. Sul nazionale è caustico: “Salvini deve scegliere tra noi e Berlusconi”


ISERNIA. In piazza a Isernia, con arrivo a bordo di una Fiat 16, per tirare la volata al Movimento Cinque Stelle e al suo candidato presidente Andrea Greco. Così l’onorevole Di Maio infiamma la campagna elettorale delle Regionali, con la prospettiva di fare del Molise la prima regione pentastellata.

In tantissimi sono accorsi per ascoltare la ricetta della rivoluzione grillina. E subito i temi caldi al centro del comizio: nomine negli enti solo sulla base delle competenze; sanità pubblica, con Greco che ribadisce come “il rapporto tra pubblico e privato debba essere riequilibrato in termini di budget”.

di maio plateaDi qui l’attacco al candidato del centrodestra, Donato Toma, considerato poco credibile sul tema sanitario perché sponsorizzato “da chi ha interessi nel settore privato”. Senza peli sulla lingua l’aspirante governatore attacca: “Dietro di lui c’è Aldo Patriciello che ha sempre deciso le sorti dell’intera regione”.

Poi le proposte: priorità al lavoro, con la politica al fianco degli imprenditori e quindi dei cittadini.

“Centrodestra e centrosinistra – commenta – si sono coalizzati contro i Cinque Stelle per preservare il loro status. La nostra è l’ unica forza politica in grado di restituire il Molise ai cittadini, mentre gli altri hanno distrutto il territorio e oggi hanno paura di perderne il controllo”.

L’appello ai cittadini: “Aiutateci a sbarazzarci di questa oligarchia politica che ci ha distrutti”.

piazza gremitaDi Maio, super applaudito, ringrazia i presenti: “Un molisano su due ha votato per noi. E vi ringrazio perché sono consapevole che si rischia votando il Movimento. Provano a spaventarci, ma non tutti possono permetterselo e noi non molleremo. Ma vi dico – ancora l'onorevole – manca poco. I cittadini hanno avuto la forza di ribellarsi. E vi continuo a promettere che tutto questo consenso, che ci ha permesso di diventare la prima forza politica del paese, non lo tradirò. Mi sto impegnando per creare il primo vero governo di cambiamento. E questo vale anche per il Molise. Io collaborerò con Andrea”.

Sulla politica nazionale, conferma: “No alle ammucchiate. Ho detto a Salvini di scegliere se metterci al tavolo per abolire la riforma Fornero o Berlusconi”.

 Unisciti al gruppo Whatsapp di isNews per restare aggiornato in tempo reale su tutte le notizie del nostro quotidiano online: manda ISCRIVIMI al numero 3288234063

Privacy Policy