Fondi europei, Toma batte cassa a Bruxelles: "Il Molise merita rispetto"

Valutazione attuale: 0 / 5

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva
 

Il governatore: “La nostra Regione deve riacquistare autorevolezza; rilanceremo le attività della nostra sede di rappresentanza che diventerà l’ambasciata Molise House”


 CAMPOBASSO. Si è chiusa la tre giorni di incontri istituzionali del governatore del Molise, Donato Toma, a Bruxelles. La visita istituzionale si è aperta con l’ambasciatore Maurizio Massari, seguita dalla partecipazione al ristretto seminario di studi sulla politica estera dell’Ue, organizzato da Ambrosetti con la partecipazione del vicepresidente della Commissione, Federica Mogherini, e l’incontro con una delegazione di funzionari e imprenditori molisani che vivono in Belgio presso la sede di rappresentanza della Regione Molise a Bruxelles.


“Ho voluto fortemente che la mia prima missione istituzionale internazionale avvenisse a Bruxelles – ha detto il presidente Toma – perché, simbolicamente e sostanzialmente, è da qui che il Molise deve riconquistare autorevolezza e ottenere riconoscimenti importanti. In tutti gli appuntamenti ho ribadito la necessità di velocizzare le procedure di erogazione dei finanziamenti dovuti al nostro territorio e di lavorare in sinergia per renderci più attrattivi, partendo dalla riduzione del gap infrastrutturale. Per questo – ha concluso il governatore – rilanceremo le attività della nostra sede di rappresentanza, che deve fungere a tutti gli effetti da ambasciata della Regione in Europa, la Molise House, nelle cui attività coinvolgeremo i nostri imprenditori, funzionari e studenti”.

Unisciti al gruppo Whatsapp di isNews per restare aggiornato in tempo reale su tutte le notizie del nostro quotidiano online: salva il numero 3288234063 e invia ISCRIVIMI  

Change privacy settings