Isernia, a rischio il centro di Senologia: le pazienti scendono in campo

Isernia, a rischio il centro di Senologia: le pazienti scendono in campo

Valutazione attuale: 1 / 5

Stella attivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva
 

Avviata una raccolta di firme per scongiurare la possibile chiusura del presidio del ‘Veneziale’. La petizione sarà consegnata al presidente della Regione Donato Toma a cui si chiede massimo impegno



ISERNIA. Le firme raccolte sono già più di 300 e a Isernia come nel resto della provincia va avanti la mobilitazione per scongiurare il ridimensionamento e la paventata chiusura del centro di Senologia dell’ospedale ‘Veneziale’. In campo a tutela del presidio le pazienti, che hanno lanciato l’allarme rivolgendo il loro appello direttamente al presidente della Regione Donato Toma a cui verrà consegnata la petizione “perché – hanno sottolineato – il diritto alla salute non è negoziabile”.

L’iniziativa che ha portato all’avvio della raccolta di firme è nata in sala d’attesa. “Confrontandoci – hanno spiegato le pazienti – ci siamo rese conto che era necessario fare qualcosa per tutelare un centro d’eccellenza. Purtroppo il ridimensionamento è già in atto. Attualmente si ha a disposizione la sala operatoria soltanto una volta a settimana e per tre ore. Un tempo assolutamente insufficiente per fronteggiare la quantità di casi di tumore alla mammella”.

Stando a quanto riferito dalle utenti del centro, “la chiusura, da ‘rumors’ raccolti, sarebbe prevista per dicembre 2018. Le donne, ma anche gli uomini, le famiglie intere che sono state prese in carico dal centro di Senologia, si sono attivate per difendere quello che ritengono essere un vero centro di eccellenza, un fiore all’occhiello dell’ospedale dove si coniuga capacità, esperienza, competenza, con umanità e gentilezza”.

Per questo viene chiamato in causa direttamente il governatore. “Il presidente Toma – hanno concluso le utenti del centro - in campagna elettorale ha dichiarato che difenderà la sanità pubblica, ora lo aspettiamo al banco di prova”. La petizione dunque continua ed è possibile aderire all’iniziativa firmando gli appositi moduli reperibili anche presso diverse attività commerciali.

Unisciti al gruppo Whatsapp di isNews per restare aggiornato in tempo reale su tutte le notizie del nostro quotidiano online: salva il numero 3288234063 e invia ISCRIVIMI

 

Privacy Policy