Metanodotto Larino-Chieti, il Ministro Costa: “Territorio sismico, servono approfondimenti”

Valutazione attuale: 0 / 5

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva
 

Il titolare dell’Ambiente si è detto favorevole a richiedere la Vas, la Valutazione ambientale strategica. Soddisfazione del Coordinamento ‘No Hub del Gas’


CAMPOBASSO. Metanodotto Larino-Chieti, il Coordinamento ‘No Hub del Gas’ ha espresso soddisfazione per l’apertura mostrata dal ministro dell’Ambiente Sergio Costa. “Avevamo sollevato pesanti critiche sull'iter di approvazione del gasdotto Larino-Chieti e di altri gasdotti – ha dichiarato il Coordinamento - per violazioni palesi della Direttiva europea sulla Vas, la Valutazione Ambientale Strategica. I Governi precedenti hanno fatto finta di nulla, finalmente un ministro dell'Ambiente ci ascolta".

Costa ha infatti deciso di approfondire la questione della legittimità delle procedure seguite finora. "Siamo stati interessati - aveva dichiarato Costa - dal ministero dello Sviluppo economico circa il metanodotto Sgi, della tratta Larino-Chieti. Ci è stato chiesto un parere circa l'assoggettabilità a Vas del progetto definitivo. Considerando la fragilità del territorio, fortemente sismico, e impatto dell'opera, riteniamo che la Vas sia necessaria. Chiederemo anche un parere dell'Avvocatura dello Stato".

Unisciti al gruppo Whatsapp di isNews per restare aggiornato in tempo reale su tutte le notizie del nostro quotidiano online: salva il numero 3288234063, invia ISCRIVIMI e metti "mi piace" al nostro gruppo ufficiale https://www.facebook.com/groups/522762711406350/

 

Change privacy settings