Il ministro Lezzi nei comuni terremotati: “Famiglie e bambini non possono stare nelle tende”

Valutazione attuale: 1 / 5

Stella attivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva
 

Lo ha detto la rappresentante del Governo Conte, oggi in visita nei centri più colpiti dal sisma del 14 e 16 agosto, dopo l’incontro con il governatore Donato Toma, per accelerare sull’impiego dei finanziamenti europei



CAMPOBASSO. Terremoto, il ministro per il Sud Barbara Lezzi ha garantito l’impegno del Governo Conte per il Molise. "Dopo la stima dei danni - ha dichiarato l’esponente del M5s dalle zone del ‘cratere’ - cercheremo di attivarci il prima possibile. Ci sono famiglie e bambini che non possono restare nelle tende. Bambini che hanno ripreso la scuola e stanno facendo i compiti in condizioni non ottimali. E’ evidente – ha detto dopo un colloquio con gli sfollati - che non si può si può proseguire così. In collaborazione con la Regione vedremo di cercare e trovare quanto prima possibile una soluzione per queste persone".

Parole pronunciate nella visita che il ministro ha tenuto a Guglionesi e a Palata, dopo l’incontro con il governatore Donato Toma sull’utilizzo dei fondi europei, per accelerare sull’impiego delle risorse. Con l’impegno a chiedere una deroga sulla scadenza alla Commissione europea, proprio in considerazione dell’emergenza terremoto che ha vissuto il Molise.

E dal sisma del 2018 a quello del 2002, per il quale la ricostruzione è ancora in corso. Il Ministro ha promesso interventi per sbloccare i fondi. "La Regione ci ha chiesto di consentire alle imprese rendicontazioni al 4%, anziché all'8% dei lavori – ha spiegato – penso sia fattibile, ne ho già parlato con il Dipartimento. Dobbiamo evitare disguidi che ci portiamo avanti da 16 anni". Presa di distanza annunciata, poi, dal progetto per la realizzazione del gasdotto, “per noi non è importante".

E dalle questioni molisane a quelle della politica nazionale, con Barbara Lezzi, che stamattina ha incontrato a Campobasso consiglieri e parlamentari del M5s, che ha escluso tensioni nel Governo. “Non ce ne sono – ha affermato – abbiamo un programma da portare avanti. Le misure le stiamo definendo con il ministro Tria”. E il condono fiscale? “Non ci sarà un condono – ha precisato – noi abbiamo parlato di pace fiscale, per aiutare chi è rimasto indietro negli anni della crisi". E sull’incontro di Matteo Salvini con Silvio Berlusconi. “Sono affari suoi”, l’unico commento del Ministro per il Sud.

C.S.

Unisciti al gruppo Whatsapp di isNews per restare aggiornato in tempo reale su tutte le notizie del nostro quotidiano online: salva il numero 3288234063, invia ISCRIVIMI e metti "mi piace" al nostro gruppo ufficiale https://www.facebook.com/groups/522762711406350/

Change privacy settings