Commissario, Calenda marca le distanze dal M5s: “Incarico a costo zero al governatore”

Valutazione attuale: 1 / 5

Stella attivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva
 

La consigliera regionale della Lega ribadisce la sua posizione, a tutela del settore sanitario del Molise. E il portavoce di ‘Isernia domani’ Emilio Izzo rimarca che i due incarichi non sono compatibili e che Toma non può pagare gli errori del passato


CAMPOBASSO. Nomina del commissario ad acta della sanità, la consigliera della Lega Filomena Calenda ribadisce la sua posizione e si dice favorevole all’affidamento dell’incarico al governatore del Molise Donato Toma. E sottolinea l’importanza di ripristinare la norma di legge, che ha sempre visto per le regioni in piano di rientro affidare, a costo zero, la carica di commissario ad acta al presidente della Regione. Prendendo le distanze dalla posizione dei Cinque stelle, alleati nel Governo Conte.

“In dieci anni – ha detto Calenda - da quando il Governo ha decretato di riportare nella sua esclusiva competenza l’organizzazione della materia sanitaria delle regioni con certificato disavanzo finanziario, il commissario ad acta è sempre stato il presidente della Regione. Sono ormai trascorsi più di cinque mesi da quando il Molise non ha più alcuna autonomia sanitaria e a chi giova tutto questo? Chi ne subisce gli effetti devastanti? Siamo finiti nel circolo vizioso a targa 5 stelle, che al bene dei molisani antepongono le beghe da condominio, invocando un commissario esterno che costerà ai molisani centinaia di migliaia di euro”.

“Possibile che nessuno – ha rincarato la dose - e men che meno il senatore Luigi di Marzio, che per anni ha ricoperto il ruolo di direttore sanitario dell’ospedale ‘Cardarelli’ di Campobasso, non comprenda quanto sia pericoloso e controproducente per i molisani e per l’economia dell’intera regione non affidare la carica di commissario al presidente in carica. Continuare ad affermare che per errori passati, il commissario dovrebbe essere affidato ad una figura tecnica esterna, con costi da capogiro, è un atteggiamento che connota una scarsa maturità politica, sociale ed economica”.

“Per il bene di tutti noi – ha concluso Calenda - mettiamo da parte il colore politico e troviamo nel più breve tempo possibile un’unica soluzione. Siamo tutti amministratori della cosa pubblica, grazie ai cittadini che ci hanno dato fiducia e a loro dobbiamo offrire non solo servizi eccellenti, ma anche tempestivi”.

Sull’argomento da registrare anche la posizione del del portavoce di ‘Isernia domani’ Emilio Izzo, per il quale non è giusto prevedere a monte che ci sia in assoluto il divieto o l’incompatibilità tra le figure di commissario e governatore. ”Abbiamo criticato le indicazioni dei commissari del passato, da Iorio a Frattura – ha precisato Izzo - perché proprio con i loro Esecutivi, si sono determinate le condizioni di sfascio. Toma, che piaccia o meno, tale situazione l’ha ereditata, magari farà peggio, chi può dirlo, ma non vediamo perché non possa essere lui il nuovo commissario”.

“Sentiamo di suggerire alla Lega in Regione – il riferimento di Izzo alle posizioni espresse dagli esponenti del 'Carroccio' - che piuttosto che fare inutili assist di parte, con il solo scopo di propaganda e magari con la speranza che Toma passi tra le loro fila, costringano i loro mentori a Roma ad operare nel senso sperato, a conferire l’incarico al governatore, se non esistono motivi di illogica illegalità. E di iniziare a lavorare per una sanità pubblica di qualità, come lo stesso governatore ha dichiarato più volte in campagna elettorale. Per quanto ci riguarda, non crediamo ci siano ostacoli leciti a tale positiva soluzione, così come crediamo che, chiunque sia il nuovo commissario, per noi nulla cambia sotto l’aspetto della lotta a favore degli ospedali, dei reparti e delle aspettative dei molisani”.

Unisciti al gruppo Whatsapp di isNews per restare aggiornato in tempo reale su tutte le notizie del nostro quotidiano online: salva il numero 3288234063, invia ISCRIVIMI e metti "mi piace" al nostro gruppo ufficiale https://www.facebook.com/groups/522762711406350/

 

Change privacy settings