Commissario ad acta, il Comitato Bene Comune: “Disgustoso teatrino, 80mila persone non usufruiscono del Pronto Soccorso del Vietri”

Valutazione attuale: 0 / 5

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva
 

Il Comitato Basso Molise per il Bene Comune attacca: il presidente Toma è anche assessore alla Sanità, potrebbe anche riaprire il presidio così come lo ha chiuso


CAMPOBASSO. Il Comitato Basso Molise per il Bene Comune interviene nella querelle tra il presidente della Regione, Donato Toma, e i portavoce del Movimento 5 Stelle. Tema del contendere, manco a dirlo, la mancata nomina del commissario ad acta. Ruolo che come è noto, il governatore vorrebbe gli fosse attribuito mentre, di contro, i 5 Stelle vorrebbero fosse assegnato ad un tecnico.

“Disgustoso teatrino” viene definito dal Comitato, quello che va in scena in questi giorni tra le due opposte fazioni. “Mentre tutti i politici del Molise sono concentrati su questa diatriba, ci sono delle persone - come quelle impegnate nel Comitato - che continuano imperterrite a raccogliere firme per chiedere la riapertura del Pronto Soccorso al Vietri di Larino”.

La petizione, avviata circa un mese fa, ha dato modo di raccogliere le istanze, le esigenze e i bisogni del basso Molise: la riapertura del Pronto Soccorso al nosocomio frentano è “necessaria ed urgente – spiegano dal Comitato - , tutti i firmatari della petizione hanno manifestato il malessere di un territorio che si sente abbandonato dalle istituzioni e dalla maggior parte dei rappresentanti politici. Mentre il presidente Toma è preso ad imporre la sua nomina al ruolo di commissario, sembra aver dimenticato che è già investito dal ruolo di assessore alla sanità e che, in questa veste, ha la possibilità di riaprire il Pronto Soccorso esattamente come, con una determina del direttore sanitario Sosto (da lui nominato) , lo ha chiuso lasciando circa 80.000 persone ad usufruire di una guardia medica, tra l'altro non reperibile attraverso un numero mobile quindi non raggiungibile quando è fuori per prestazioni sanitarie e spesso, quindi, la postazione risulta deserta.

Change privacy settings