Una scuola sicura e all’avanguardia: inizia l’era del polo di Pietradonata

Una scuola sicura e all’avanguardia: inizia l’era del polo di Pietradonata

Valutazione attuale: 1 / 5

Stella attivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva
 

Cerimonia inaugurale per il plesso intercomunale che ospita oltre cento bambini di Infanzia e Primaria. A breve l’attivazione della sezione Primavera e il completamento dell’area esterna con la realizzazione di un parco giochi


di Deborah Di Vincenzo

SANT’AGAPITO. Sicurezza e innovazione per un polo all’avanguardia che, grazie alla lungimiranza delle amministrazioni comunali, ha scongiurato la formazione delle pluriclassi e, soprattutto, ha garantito la sopravvivenza della scuola nei piccoli centri. Due comunità in festa, quella di Sant’Agapito e Longano, hanno dato vita questa mattina alla cerimonia inaugurale del plesso intercomunale di Pietradonata.

scuola pietradonataLe lezioni sono cominciate regolarmente lo scorso 13 settembre per i 60 alunni dell’Infanzia e i 50 che frequentano la Primaria. A breve invece, sarà attivata la Sezione Primavera per altri 15 bambini. Naturalmente entusiasti i sindaci dei due centri Giuseppe Di Pilla e Antonio Ditri.

“Il primo bilancio è assolutamente positivo e supera di gran lunga le aspettative – ha affermato Di Pilla -. In meno di due anni siamo riusciti a realizzare la struttura che è stata aperta con l’inizio del nuovo anno scolastico. Un lavoro di squadra tra istituzioni che ha consentito di realizzare il progetto. Ora possiamo contare su una scuola all’avanguardia e, soprattutto, sicura. Naturalmente – ha poi aggiunto – non ci fermiamo. Prossimo passo sarà quello di completare l’esterno del plesso, che sarà dotato di un parco giochi per le attività ludiche. Un progetto che è inserito nel programma già avviato con la Regione e speriamo di ottenere in tempi stretti i fondi per realizzarlo. Inoltre abbiamo già presentato una richiesta al Miur per l’ampliamento della scuola, per i bambini dell’Infanzia e della Primavera, in modo da ‘liberare’ altre aule per consentire anche ad altri comuni di usufruire di spazi sicuri e adeguati”.

Privacy Policy