Nasce la rete nazionale dei Registri Tumori, il Molise dovrà accelerare l'iter

Valutazione attuale: 0 / 5

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva
 

 

Il disegno di legge del Movimento 5 Stelle, approvato oggi al Senato, passa ora al vaglio della Camera: le Regioni obbligate ad inserire i dati sulle patologie neoplastiche riscontrate nei territori entro il 30 aprile 2019. Sarà adempimento obbligatorio all'interno dei livelli essenziali di assistenza. Intanto il consigliere Scarabeo avverte: è 'solo' uno strumento, occorrono reali e concrete politiche di promozione della salute e prevenzione delle malattie


CAMPOBASSO. Nasce la rete nazionale dei registri dei tumori nella quale confluiranno i dati raccolti dalle singole Regioni. Entro il 30 aprile del prossimo anno, quindi, ogni regione dovrà procedere all'inserimento tempestivo dei dati: passaggio questo non derogabile visto che costituirà adempimento obbligatorio per i livelli essenziali di assistenza.

Il via libera al disegno di legge oggi in Senato dove all’unanimità è passata la proposta 'targata' 5 Stelle (prima firmataria la senatrice Castellone). il testo passa ora all’esame della Camera. In Molise, proprio ieri, la Giunta regionale ha approvato il regolamento e il relativo disciplinare tecnico. Un passo decisivo verso la completa funzionalità del Registro Tumori che, nel suo lungo iter, ha trovato numerosi ostacoli alla realizzazione compiuta, non ultimo il ‘problema’ derivante dalla normativa a tutela della privacy.

Il consigliere Scarabeo (nella foto, ndr) commenta il risultato raggiunto ieri dall'Esecutivo Toma. “E' un passo importante che i molisani attendevano da tempo e a cui si è lavorato con pazienza per dare risposte ai cittadini – spiega in una nota stampa - La Giunta regionale, ha proceduto con un ulteriore step, al raggiungimento della completa funzionalità del sistema. Un Registro Tumori è un servizio adibito alla raccolta, l'archiviazione, l'analisi e l'interpretazione dei dati sulle persone affette da tumore. Raccoglie informazioni complete su tutti i nuovi casi che insorgono in un determinato territorio con obiettivi di sanità pubblica ed epidemiologia”.SCARABEO OK

Ora, con l’approvazione della rete nazionale e con l’obbligo per le Regioni di procedere all’inserimento tempestivo dei dati, l’iter della norma molisana dovrà subire una decisa accelerazione.

Per Scarabeo, però, il bicchiere è mezzo pieno. “Sono soddisfatto del risultato raggiunto – chiosa – ma tuttavia mi preme sottolineare che il Registro Tumori è ‘solo’ uno strumento di rilevazione e come tale è utile solo se viene accompagnato da reali e concrete politiche di promozione della salute e prevenzione delle malattie”.

I dati che in Molise daranno la misura della diffusione delle patologie neoplastiche rientreranno in un circuito nazionale: in pratica si potranno ‘leggere’ informazioni rilevanti per le conseguenti politiche sanitarie da mettere in atto.

Con l’istituzione della rete nazionale, quindi, saranno disponibili tutti i dati dei registri regionali e dei sistemi di sorveglianza in modo da incrementare al massimo le attività di monitoraggio e di prevenzione dei tumori su tutto il territorio italiano. Istituiremo una rete che avrà funzioni di coordinamento nella prevenzione, nella diagnosi e nella cura dei tumori. E grazie alla quale sarà possibile indirizzare la programmazione sanitaria attraverso un’attenta verifica della qualità delle terapie e, nel complesso, dell’assistenza sanitaria. Con l’approvazione di questo testo ci dotiamo di una opportunità unica nel far decollare la ricerca e la salvaguardia della salute dei cittadini” ha dichiarato la senatrice Castellone in aula prima della votazione.

Il testo approvato oggi è composto da 8 articoli e proprio l’ultimo riguarda molto da vicino le Regioni visto che, entro 180 giorni dall'entrata in vigore della presente legge, le Regioni provvederanno affinché le normative vigenti in tema di sorveglianza sanitaria della malattia oncologica vengano aggiornate con quanto previsto dalla presente legge, ed affinché la sorveglianza epidemiologica sulla malattia oncologica dei territori di loro pertinenza, non coperti al momento dell'entrata in vigore della presente legge, venga espletata dai Registri tumori di popolazione esistenti ovvero da Registri tumori di popolazione di nuova istituzione.

Unisciti al gruppo Whatsapp di isNews per restare aggiornato in tempo reale su tutte le notizie del nostro quotidiano online: salva il numero 3288234063, invia ISCRIVIMI e metti "mi piace" al nostro gruppo ufficiale

 

Change privacy settings