Immigrazione, CasaPound attacca: “Sul tema, centrodestra isernino indistinguibile dalla sinistra”

Immigrazione, CasaPound attacca: “Sul tema, centrodestra isernino indistinguibile dalla sinistra”

Valutazione attuale: 5 / 5

Stella attivaStella attivaStella attivaStella attivaStella attiva
 

Il commento della Consigliera comunale Francesca Bruno dopo la bocciatura in assise di un suo emendamento allo Statuto relativo all’accoglienza


ISERNIA. Nel nuovo Statuto comunale di Isernia, all’articolo 3, spazio al tema dell’immigrazione, con la previsione dell’impegno dell’Ente a favorire l’integrazione e l’accoglienza attiva.

Un punto che la consigliera Francesca Bruno di CasaPound, con il sostegno dei colleghi di assise Mancini, Antenucci e Fabrizio, ha proposto di emendare nella parte inerente alla proattività del Comune in materia. Proposta che però non ha incassato i voti favorevoli del consesso civico.

Di qui l’attacco: “Una bocciatura incomprensibile, - commenta la Bruno - che solleva molti dubbi sull’effettiva aderenza di alcune forze della maggioranza, come Fratelli D’Italia, all’idea ‘sovranista’ che pure affermano di seguire.

Quanto alle obiezioni sollevate circa l’impossibilità di cancellare quella parte dell’articolo in ragione dell’articolo 10 della Costituzione, che prevede la tutela giuridica degli stranieri residenti su suolo italiano – prosegue la consigliera di CasaPound – è evidente che queste sono o strumentali, o frutto di confusione da parte di chi le ha avanzate: la proposta non mirava a ledere i diritti di alcuno, ma a chiarire che il Comune ha il dovere di tutelare l’accoglienza e l’integrazione dei soli titolari del diritto di asilo, e non di generici ‘immigrati’, norma che di fatto va a sostenere l’accoglienza-business e l’arrivo sul nostro territorio di soggetti che in base alle norme vigenti non hanno diritto a rimanere in Italia.

Ora, che la sinistra, favorevole all’accoglienza indiscriminata, possa opporsi ad una definizione più stringente degli stranieri titolari del diritto all’accoglienza – osserva - è anche comprensibile, ma che ad opporsi siano stati esponenti di partiti e movimenti di centrodestra dimostra come evidentemente la battaglia sovranista sposata di recente debba rimanere confinata agli slogan, come ‘Prima gli Italiani’, pronunciati in occasione delle campagne elettorali per accaparrare voti, per essere poi dimenticata una volta ottenuta la poltrona.

Da parte nostra, come CasaPound Italia, - conclude Bruno - continueremo a portare avanti la battaglia contro l’accoglienza-business e le conseguenze nefaste dell’immigrazione incontrollata, intrapresa fin dall’inizio del fenomeno”.

 

Unisciti al gruppo Whatsapp di isNews per restare aggiornato in tempo reale su tutte le notizie del nostro quotidiano online: salva il numero 3288234063, invia ISCRIVIMI e metti "mi piace" al nostro gruppo ufficiale

Privacy Policy