Sente, riapertura entro un anno e mezzo e 300mila euro per viabilità alternativa

Valutazione attuale: 0 / 5

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva
 

Gli esiti della riunione in Prefettura a Isernia. A margine sit-in di protesta di alcuni cittadini molisani e abruzzesi che chiedono l’immediata ripresa della viabilità sull’importante infrastruttura


ISERNIA. Confermato l’inserimento nel Decreto Morandi di 2 milioni di euro per il ripristino del Viadotto Sente, fondamentale collegamento tra l’Alto Molise e l’Alto Vastese. E la volontà delle istituzioni di riaprire l’importante infrastruttura viaria entro almeno un anno e mezzo. Con il miglioramento della viabilità alternativa, ossia dell’ex Istonia, nelle more della realizzazione dei lavori, grazie ad uno stanziamento regionale di oltre 300mila euro. Finanziamento recepito dalla Provincia di Isernia che, ottenuta l'esecutività entro dieci giorni, potrebbe dare il via agli interventi per poi terminarli in trenta giorni.

Questa la sostanza dell’esito del vertice istituzionale tenutosi ieri pomeriggio in Prefettura a Isernia, presieduto dal Prefetto Guida, richiesto dai parlamentari e dai consiglieri regionali del Movimento Cinque Stelle, e aperto ai rappresentanti delle Regioni Molise e Abruzzo e delle amministrazioni municipali particolarmente interessate alla questione.

Un summit corredato da un sit-in di protesta. Una decina di cittadini di Agnone e Castiglion Messer Marino si erano portati, infatti, dinanzi al palazzo di Governo pentro in rappresentanza di 638 persone che hanno sottoscritto una petizione per chiedere l’immediata riapertura del Viadotto. Questi avrebbero voluto partecipare alla riunione, ma l’ingresso non sarebbe stato loro consentito.
Increduli sul mancato ingresso al confronto, per il tramite del portavoce Giorgio Iacapraro, i manifestanti hanno rilanciato: “Riteniamo che la riapertura sia possibile prevedendo un senso alternato a velocità moderata, come del resto avviene per il Ponte sulla Diga del Liscione”.

Intanto oggi a Roma si discute proprio del Decreto Morandi.

 

 

Unisciti al gruppo Whatsapp di isNews per restare aggiornato in tempo reale su tutte le notizie del nostro quotidiano online: salva il numero 3288234063, invia ISCRIVIMI e metti "mi piace" al nostro gruppo ufficiale 

Change privacy settings