Allarme inquinamento, Scarabeo incalza la Regione: “Subito azioni valide”

Valutazione attuale: 0 / 5

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva
 

Il consigliere analizza i recenti dati venuti fuori da uno studio epidemiologico sulla popolazione residente nell’area della piana di Venafro e nella Valle del Volturno: “Cittadini vittime di un ambiente malato”



VENAFRO. Servono subito azioni concrete per fare fronte ai problemi legati all’inquinamento con cui fanno i conti cittadini che vivono nell’area della Piana di Venafro e nella Valle del Volturno. Ne è convinto il consigliere regionale Massimiliano Scarabeo, analizzando i dati relativi ad uno studio epidemiologico sulla popolazione residente nell’Area della Piana di Venafro e Valle del Volturno. A sollecitare uno studio approfondito, su questa spinosa questione, sono state le ‘Mamme per la salute e l’ambiente’ .

“Tale studio – sottolinea Scarabeo - ha prodotto risultati sconcertanti sulla situazione dei ricoveri per la popolazione dell'area di riferimento, in quanto, sono state registrate cause legate a tumori al polmone, malattie del sistema cardiocircolatorio e cardiache, malattie cerebrovascolari, malattie croniche e acute del sistema respiratorio, malattie dell’apparato digerente, malattie dell’apparato urinario.

Un problema che sembra interessare principalmente la provincia di Isernia, dove si è verificato un aumento delle patologie che riguardano l'apparato respiratorio. La necessità, a questo punto, di un studio ancora più approfondito che possa contribuire a individuare definitivamente le cause e i fattori di rischio ambientali in riferimento a particolari malattie invalidanti e mortali, diventa impellente e improrogabile. Se l’Associazione ‘Mamme per la salute e per l’ambiente Onlus’ di Venafro si è già mossa in questa direzione, la Regione Molise non può esimersi dall'affrontare un problema così importante che riguarda la salute della popolazione e, per questo motivo, credo nell’opportunità che il Consiglio Regionale, attraverso uno specifico ordine del giorno, che intendo presentare, affronti quanto prima la questione per deliberare una partecipazione attraverso un contributo regionale all’iniziativa portata avanti dell’Associazione ‘Mamme per la salute e l’ambiente’ di Venafro.

In questo modo sarà possibile giungere al perfezionamento del lavoro svolto finora sulle cause e indicatori di rischio di ricovero per la popolazione dell’area della Piana di Venafro e della Valle del Volturno, in relazione alle criticità ambientali che si registrano su questi territori. Un impegno perché si approfondiscano i dati di cui allo studio sopra citato, anche se da una prima lettura di essi emerge, chiaramente, anche la necessità di programmare un’azione politica per portare avanti e correggere tali rischi, a salvaguardia della salute pubblica”.

Secondo Scarabeo è necessario anche un confronto istituzionale al fine di verificare la possibilità di adeguare le strutture ospedaliere pubbliche della provincia di Isernia “alla cura – conclude - delle malattie respiratorie, cerebrovascolari e tumori della mammella che proprio detto studio ha posto in evidenza registrando il maggior aumento di casi di ricovero ospedaliero per questo tipo di patologie”.

Unisciti al gruppo Whatsapp di isNews per restare aggiornato in tempo reale su tutte le notizie del nostro quotidiano online: salva il numero 3288234063, invia ISCRIVIMI e metti "mi piace" al nostro gruppo ufficiale 

Change privacy settings