‘Cantiere Italia’, Toma liquida l’accordo Lega-M5s: “E’ come essere separati in casa”

Valutazione attuale: 0 / 5

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva
 

Il governatore del Molise è intervenuto alla kermesse di Roma, organizzata tra gli altri dall’ex sindaco della capitale Gianni Alemanno, per rilanciare l’alleanza di centrodestra in vista delle prossime scadenze elettorali


CAMPOBASSO. “L’accordo Lega-M5s: non è un’alleanza, è come essere separati in casa”. Non usa mezzi termini il governatore del Molise Donato Toma, che ha usato parole caustiche per liquidare l’esperienza del governo gialloverde.

Parole pronunciate durante la kermesse ‘Cantiere Italia’, l’assemblea della destra che si è svolta oggi a Roma, promossa tra gli altri dall’ex sindaco della capitale Gianni Alemanno. Con l’obiettivo di dar vita a un nuovo ‘polo sovranista’ e rilanciare l’alleanza di centrodestra. Anche in vista delle prossime scadenze elettorali.

“Se quella della Lega è una strategia elettorale ben venga, ai posteri l'ardua sentenza – ha rincarato la dose Toma - A me non convince. In Molise continuerò a governare con la maggioranza di centrodestra unita".

Unisciti al gruppo Whatsapp di isNews per restare aggiornato in tempo reale su tutte le notizie del nostro quotidiano online: salva il numero 3288234063, invia ISCRIVIMI e metti "mi piace" al nostro gruppo ufficiale

 

 

Change privacy settings