Agnone, servizio dialisi in un ‘reparto’ ristrutturato e con dieci postazioni

Agnone, servizio dialisi in un ‘reparto’ ristrutturato e con dieci postazioni

Valutazione attuale: 0 / 5

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva
 

Domani mattina il presidente della Regione e i vertici Asrem illustreranno, presso il San Francesco Caracciolo, la riorganizzazione del nosocomio altomolisano. Ci sarà anche il sindaco Lorenzo Marcovecchio


AGNONE. Nuove speranze per l’Ospedale ‘San Francesco Caracciolo’. Una complessiva riorganizzazione dell’intero plesso ospedaliero in vista, all’interno della quale riparte un servizio per la cui erogazione si era molto temuto.

Il  reparto per i dializzati verrà ospitato al primo piano dell’ospedale, in un’ala del nosocomio ristrutturata e ammodernata nella quale sono stati installati nuovi macchinari.

Dieci postazioni per sottoporsi alla dialisi, più una dedicata alla parte tecnica, assicurano quindi il supporto sostitutivo per i pazienti con insufficienza renale acuta o cronica.

Un servizi,o quindi, efficiente che eviterà ai pazienti dializzati di dover raggiungere altri nosocomi oppure di vedersi sospese le terapie in momenti particolari con i conseguenti disagi che sono stati più volte denunciati, soprattutto dal battagliero don Francesco Martino che ha sempre pubblicamente criticato le distorsioni del sistema di assistenza.

Domani mattina, alle 10.30, il presidente della Regione Donato Toma sarà ad Agnone per illustrare la riorganizzazione e il nuovo ‘reparto’ per la dialisi: con lui anche il sindaco della cittadina altomolisana, Lorenzo Marcovecchio e i vertici dell’Asrem.

Unisciti al gruppo Whatsapp di isNews per restare aggiornato in tempo reale su tutte le notizie del nostro quotidiano online: salva il numero 3288234063, invia ISCRIVIMI e metti "mi piace" al nostro gruppo ufficiale

 

 

Privacy Policy