Accoglienza a Isernia, Bruno: “Inaccettabili ulteriori arrivi”

Valutazione attuale: 3 / 5

Stella attivaStella attivaStella attivaStella inattivaStella inattiva
 

La consigliera comunale di CasaPound interviene sulla notizia dell’imminente trasferimento in città di circa 90 richiedenti asilo dai paesi limitrofi



ISERNIA. Fa discutere a Isernia la notizia dell’arrivo in città, dal prossimo 10 dicembre, di altri 90 immigrati circa provenienti dai centri limitrofi. Ad intervenire sull’argomento anche la consigliera comunale di CasaPound Francesca Bruno che lamenta “un peggioramento delle condizioni di vita nel capoluogo pentro” e auspica un cambio di rotta con l’arrivo di un nuovo prefetto.
“Lunedì arriveranno a Isernia altri 90 immigrati – afferma in una nota - Si andranno ad unire a quelli già stanziati in città e a quelli che quotidianamente la raggiungono da tutta la provincia, e che hanno portato ad un sensibile peggioramento della qualità della vita in città, come dimostrano chiaramente le innumerevoli vicende di cronaca giudiziaria legate della Stazione ferroviaria, ormai piazza di spaccio a cielo aperto. La popolazione di Isernia è ormai esasperata dal proseguire, a dispetto del cambio di governo, del business dell’accoglienza portato avanti scaricandone i costi economici e sociali sulla città.
Il capoluogo pentro – conclude - non può essere sempre la destinazione di immigrati che, invece, se non titolari del diritto di asilo andrebbero rimpatriati in modo celere. Ci auguriamo di cuore che, sul tema, il nuovo prefetto vorrà avviare un rapporto di collaborazione con cittadini e amministratori”.

Unisciti al gruppo Whatsapp di isNews per restare aggiornato in tempo reale su tutte le notizie del nostro quotidiano online: salva il numero 3288234063, invia ISCRIVIMI e metti "mi piace" al nostro gruppo ufficiale

 

Change privacy settings