Consiglio, fondi per la ‘Ndocciata: Aida Romagnuolo bocciata dalla sua maggioranza

Valutazione attuale: 0 / 5

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva
 

La leghista ha chiesto l’immediata discussione del suo ordine del giorno ma l’aula ha respinto la sua istanza. Solo il Pd e il Movimento 5 Stelle hanno votato con lei. L’assessore Cotugno, però, le aveva già spiegato il perché del cofinanziamento della manifestazione agnonese al 50% dell’importo complessivo


CAMPOBASSO. Cose turche. In Consiglio regionale la Lega (che è saldamente nella maggioranza di centrodestra) trova la sponda nel Partito democratico e nel Movimento 5 Stelle (entrambi all’opposizione) e non nel suo schieramento.

E’ quello che è accaduto oggi, con l’ordine del giorno presentato ad inizio seduta dalla capogruppo leghista Aida Romagnuolo, incentrato sulla sua richiesta di incremento dei fondi destinati dalla Regione Molise alla manifestazione agnonese famosa nel mondo, la ‘Ndocciata.

L’esponente della Lega ha chiesto l’iscrizione, poi l’immediata discussione del suo ordine del giorno. E il Consiglio si è fermato una prima volta. Alla ripresa dei lavori, la Romagnuolo ha comunicato all’aula che avrebbe atteso l’arrivo dell’assessore competente, Vincenzo Cotugno, per la trattazione dell’argomento. Poi, quando è arrivato il momento di chiedere la discussione in aula, la richiesta è stata bocciata dalla sua stessa maggioranza e la trattazione dell’argomento è stata rinviata sine die.

L’ordine del giorno della Romagnuolo intendeva perorare la possibilità di incrementare il contributo regionale alla manifestazione: dal 50% previsto al 100% auspicato. In soldoni, al posto dei 22mila e 500 euro che saranno erogati, avrebbe voluto che il contributo fosse stato esteso all’intera cifra e cioè innalzato a 45mila euro.

“In modo compatto, tutti i miei colleghi del centrodestra, ed è inspiegabile, hanno votato contro il mio ordine del giorno, davvero una brutta pagina per Agnone, che risulta essere senz'altro una delle più straordinarie realtà del nostro territorio molisano”.

Sotto accusa, secondo la Romagnuolo, il modo di portare avanti i lavori per non discutere l’ordine del giorno. “Necessito comunque ringraziare i consiglieri regionali del M5S e del Pd, con Facciolla, che lealmente hanno sostenuto la mia iniziativa a difesa della ‘Ndocciata e di tutti gli agnonesi sparsi nel mondo”.

C’è da dire, però, che l’assessore Cotugno ha risposto solo qualche giorno fa alle richieste della leghista Romagnuolo, spiegando le ragioni dell’importo finanziabile.

“Con Delibera 363 del 27 luglio 2018, - ha spiegato l’assessore Cotugno - la Giunta regionale ha approvato il calendario degli eventi ‘Turismo è Cultura’ – Molise 2018, nell’intento di dare risalto a tutti gli appuntamenti storicizzati e in grado di richiamare turisti da fuori regione, dando un notevole ritorno d’immagine per il nostro territorio. Le manifestazioni segnalate dai Comuni sono finanziabili al 100% fino a 5 mila euro e al 50% se oltre questa soglia (e comunque per un importo massimo non superiore ai 30 mila euro). A questa azione appartiene anche la ‘Ndocciata di Agnone, organizzata dal Comune e dall’Associazione locale e pertanto coofinanziata dalla Regione Molise”.

Per la ‘Ndocciata, rispetto ad un costo progettuale complessivo di 45mila euro, vi sarebbe il riconoscimento del cofinanziamento della Regione pari alla metà ossia 22mila 500 euro, proprio per gli effetti di quella delibera citata dall’assessore.

 

Unisciti al gruppo Whatsapp di isNews per restare aggiornato in tempo reale su tutte le notizie del nostro quotidiano online: salva il numero 3288234063, invia ISCRIVIMI e metti "mi piace" al nostro gruppo ufficiale

 

 

Change privacy settings