Facciolla si candida alla guida del Pd: “Il partito deve essere unito, chi perde riconosca il segretario”

Valutazione attuale: 1 / 5

Stella attivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva
 

L’ex assessore e capogruppo alla Regione annuncia ufficialmente che sarà in corsa per conquistare la guida dem. Le frecciate ai competitor Michele Durante e Stefano Buono e all’avversario interno, “che segava con una lima le sedie senza far rumore” e i temi della sua ‘campagna elettorale’, a pochi minuti dalla presentazione della candidatura



CAMPOBASSO. Vittorino Facciolla sarà candidato alla segreteria del Partito Democratico. Una scelta di continuità con l’ex segretario Micaela Fanelli, non a caso al suo fianco questa mattina nella conferenza stampa istituzionale di presentazione dell’attività svolta dal gruppo del Pd alla Regione. “Tra poco depositeremo la candidatura – l’annuncio - nella convinzione di rappresentare un modello di partito nuovo, diverso, che abbia un afflato maggiore con i cittadini, con le amministrazioni, con i territori”.

Facciolla che entra in campo e che non risparmia le frecciate ai competitor, Stefano Buono e ancor prima Michele Durante. “C’è un partito plurale – ha detto riferendosi a Durante - che consente la candidatura di un candidato che otto mesi fa era mio competitor alle Politiche e che non ha utilizzato parole dolci nei confronti di un partito che oggi pensa di poter guidare. Un po’ di orticaria me la fa venire, ma siamo in democrazia, se i cittadini molisani e gli elettori del Pd lo dovessero scegliere sarà il mio segretario".

"Resta la valutazione sull’assurdità della politica che va così velocemente da consentire che un soggetto che si è candidato otto mesi fa sul maggioritario - ha rincarato la dose -  possa fare il segretario di un altro partito concorrente nelle elezioni maggioritarie. Qualche anno fa sarebbe stato impensabile e irrealizzabile oggi diventa quasi naturale anche presentarlo, qui un minimo di resistenza l’avrei fatta quantomeno resistenza psicologica. Ma ripeto, dovesse vincere Durante sarà mio segretario, da capogruppo del Pd ci lavorerò tranquillamente bene, eviterò di commettere l’errore di non voler riconoscere la vittoria altrui. Stessa cosa farò anche con Buono: li chiamerò e certamente cercheremo di fare il meglio per il nostro territorio”.

Quindi su Stefano Buono. “Buono mi sta simpatico soprattutto per una questione di vasi comunicanti, perché è amico di Frattura e poi perché con lui e con Micaela abbiamo contribuito a scegliere il miglior presidente del Parco olivicolo di Venafro. Però una cosa mi sento di dirgli, se in un comune di 10mila abitanti come Venafro alle Regionali abbiamo preso 150 voti come nella sezione 2 di San Martino in Pensilis, mi viene da pensare. Il partito non è un autobus o un ascensore che ti fa salire e ti fa scendere schiacciando un bottone a tuo piacimento. Ci si sta dentro e quando si prendono 150 voti a Venafro alle Regionali significa che ci stai poco nel partito”.


Facciolla con Zingaretti o con Martina? Questo il capogruppo dem non lo ha ancora chiarito. “Con Micaela Fanelli e un buon gruppo di sindaci avevamo fatto la scelta di sostenere la candidatura di Marco Minniti, che adesso non è più in corsa. Nei giorni scorsi abbiamo sottoscritto un documento di Matteo Ricci, responsabile organizzativo del P, che richiama all’unità almeno i sottoscrittori del documento di Minniti e ci incontreremo nei prossimi giorni per prendere in maniera condivisa una decisione. Tantissime persone che hanno già aderito alla mia candidatura – ha quindi specificato - hanno fatto la scelta di Zingaretti, alcuni anche quella di Martina. Io penso che il congresso regionale debba avere una sua dignità e se qualcuno vuole spostarlo sul tema nazionale tenterà di mettere la polvere sotto il tappeto. Questa è una regione che ha vissuto politicamente all’interno del centrosinistra delle manifestazioni patologiche folli. Il presidente non si è potuto neppure ricandidare, c'era un senatore che sosteneva apertamente un’altra lista. Dobbiamo tornare a fare unità, siamo d’accordo, ma su basi che hanno certezza incontrovertibile e correttezza nei comportamenti”.

Non è mancato l’annuncio dei temi e il riferimento a quello che ha rappresentato come l’avversario interno, rimasto sempre ‘innominato’. Chiaramente Roberto Ruta. “Sono convinto del valore di tantissime azioni. Noi non siamo stati comunicativi, probabilmente abbiamo commesso anche errori di comunicazione politica evidenti, ma devo dire che il nostro più ferreo avversario è stato il compagno di partito, che ha segato con una lima che non faceva rumore la sedia sulla quale era seduto il Governo nazionale da una parte e quello regionale dall’altra. Se qualcuno pensa di replicare questo tipo di comportamento forse la mia candidatura va in questa direzione, non sono disponibile a farmi segare sedie senza fare rumore”.

“Dobbiamo propendere all’unità del partito, ma ognuno con i propri ruoli, non è accettabile la minoranza che non riconosce il segretario legittimamente eletto, come è accaduto con Micaela Fanelli, che non ha potuto neppure comporre gli organi di partito con i rappresentanti della minoranza. Dovessi vincere chiederò ai segretari di federazione di essere parte della direzione e proporrò una serie di assemblee tematiche che dovranno consentire di affrontare temi che riteniamo importanti e capaci di marcare la differenza anche rispetto a un passato recente. Vogliamo restare propositivi - ha concluso Facciolla -  anche il tono polemico di alcune mie dichiarazioni è rivolto a comportamenti del passato ma terminerà con l’avvio di questo percorso congressuali. Mi piacerebbe confrontarmi con miei competitor sull’idea di Molise, su cosa si pensa di fare per i nostri concittadini".

Carmen Sepede