L'appello del Pcl ai sindaci del Molise: boicottare tutti il Decreto sicurezza

Valutazione attuale: 1 / 5

Stella attivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva
 

Dura nota del Partito comunista dei lavoratori contro la legge voluta dal ministro Salvini


CAMPOBASSO. Il decreto sicurezza, voluto fortemente dal ministro dell’Interno Matteo Salvini, sta sollevando diverse ed eterogenee proteste. In Molise alcuni sindaci, Antonio Battista in primis, hanno manifestato la volontà di non applicare quanto riportato nel decreto, e proprio sul sostegno a tale forma di protesta fa leva la nota del Partito Comunista dei Lavoratori.

“Chiediamo a tutti i sindaci del Molise di unirsi all’azione dei sindaci delle maggiori città italiane – l’appello della sezione molisana del partito - per resistere al decreto (in)sicurezza del ‘ministro nero’". Per il Pcl il decreto in questione sarebbe equiparabile nientemeno che alle legge razziali emanate nel '38 da Mussolini. Di qui la necessità, anzi "l'obbligo - scrivono in una nota - di disapplicare questo aberrante decreto, non degno di una società che si dice civile.

"Non solo – continuano i dirigenti comunist i- i sindaci hanno il tutto il diritto di sospenderne in loco gli effetti, in attesa di un giudizio costituzionale da essi stessi attivabile, come diversi costituzionalisti hanno chiarito. Salvini e i suoi sindaci leghisti non hanno mai esitato a violare le norme sull’accoglienza e sul rispetto del principio di uguaglianza tra esseri umani, bloccando senza alcun rispetto autobus con donne e bambini migranti e istigando all’odio razziale da scranni istituzionali".

"Bisogna impedire – concludono dal partito - che anche nel Molise l’attacco contro gli Sprar possa avere luogo per distruggere sul nascere le positive e buone esperienze di accoglienza e fraternizzazione tra comunità locali e migranti. Un’accoglienza che funziona bene, anche nel Molise, darebbe fastidio a questo disegno".

 

Unisciti al gruppo Whatsapp di isNews per restare aggiornato in tempo reale su tutte le notizie del nostro quotidiano online: salva il numero 3288234063, invia ISCRIVIMI e metti "mi piace" al nostro gruppo ufficiale 

Change privacy settings