Il ‘gran rifiuto’ di Colagiovanni: l’assessore fuori dalla Giunta, ma per il sindaco spunta Nagni

Valutazione attuale: 0 / 5

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva
 

Il titolare delle Attività produttive non ha firmato la fiducia e lascia quindi l'esecutivo, che scende a otto componenti. Intanto Antonio Battista, che a quanto sembra terrà per sé le deleghe vacanti, ha chiuso la verifica e questo pomeriggio terrà una conferenza stampa con gli assessori ‘fedeli’



CAMPOBASSO. “Rifiuto il pacco e vado avanti”. Lo aveva annunciato e lo ha fatto. L’assessore alle Attività produttive Salvatore Colagiovanni non ha sottoscritto il ‘giuramento di fedeltà’ ad Antonio Battista e al centrosinistra.

La notizia è stata anticipata in un comunciato stampa e sarà ufficializzata questo pomeriggio, nella conferenza stampa che il sindaco Battista terrà con gli assessori ‘fedeli’. Ai quali, con decreto firmato oggi, sono state riconfermate le deleghe. Tra loro anche Francesco de Bernardo e Massimo Sabusco, che erano stati visti in rotta di avvicinamento al centrodestra. Otto e non più nove, con il sindaco che, a quanto sembra, terrà per sé le competenze vacanti. Senza fare nuove nomine. 

Autore del ‘gran rifiuto’ Colagiovanni, che potrebbe guidare, da candidato sindaco, il Polo civico dei moderati alle prossime Comunali. Per firmare il ‘verbalino’, la fiducia al sindaco e alla coalizione di centrosinistra, l’assessore aveva posto tre condizioni. La garanzia che sarebbe stato ancora Battista il candidato del centrosinistra,in questo caso – ha dichiarato nei giorni scorsi – firmo subito”, una verifica sull’attività svolta dagli assessori durante la legislatura e un passaggio in Consiglio comunale, per chiedere la fiducia in aula.

L’incontro tra Battista e Colagiovanni, si racconta, si è chiuso con un abbraccio affettuoso e una stretta di mano, da persone leali che ci mettono la faccia. E con un in bocca al lupo in vista delle prossime Comunali. Appuntamento elettorale in cui sindaco uscente e assessore (uscito) potrebbero scontrarsi (alle Primarie, se ci saranno, o alle elezioni di maggio). Ma anche no.

nagni pdProprio in merito alla ricandidatura di Battista nel centrosinistra, fino a pochi giorni fa data per scontata, nelle ultime ore sarebbe emersa un’altra ipotesi, quella dell’ex assessore regionale ai Lavori pubblici, già assessore al Comune di Campobasso, Pierpaolo Nagni (nella foto a Isernia, all'incontro del Pd con Nicola Zingaretti, candidato alla segreteria nazionale).

Nominativo gradito a Paolo Di Laura Frattura e, secondo alcuni ‘rumors’, anche a Roberto Ruta. Ipotesi che scompagina giochi che sembravano fatti, tanto più dopo la candidatura per le primarie del Pd del presidente del Consiglio comunale Michele Durante. Anche lui nel ‘totosindaco’, come, in area centrodestra, il presidente dell’Acem Corrado Di Niro. Le cui quotazioni starebbero salendo.

Carmen Sepede

Unisciti al gruppo Whatsapp di isNews per restare aggiornato in tempo reale su tutte le notizie del nostro quotidiano online: salva il numero 3288234063, invia ISCRIVIMI e metti "mi piace" al nostro gruppo ufficiale