Sanità, scoppia il caso dei 15 milioni di euro spostati al conto della Regione. Il M5s informa Grillo

Sanità, scoppia il caso dei 15 milioni di euro spostati al conto della Regione. Il M5s informa Grillo

Valutazione attuale: 5 / 5

Stella attivaStella attivaStella attivaStella attivaStella attiva
 

Il trasferimento, temporaneo, adottato con una delibera approvata pochi giorni prima dell’arrivo in Molise di commissario e subcommissario


CAMPOBASSO. Sanità, scoppia il caso dei 15 milioni di euro che il 18 dicembre scorso, pochi giorni prima dell'arrivo di commissario e sub commissario per il piano di rientro dal deficit, la Direzione regionale della Salute, ha spostato dal conto dedicato alla sanità al conto ordinario della Salute.

Decisione formalizzata con la determina n.255, che dà il via a uno spostamento temporaneo. A denunciarlo il deputato molisano del M5s Antonio Federico, che sull’accaduto interrogherà il ministro della Salute Giulia Grillo e il portavoce regionale Andrea Greco, che si è rivolto al governatore Donato Toma.

“La delibera – ha affermato Federico - specifica che entro il 31 marzo 2019 questi 15 milioni dovranno tornare nel conto della sanità.  È forse tornata la finanza creativa in via Genova? A cosa serve questa operazione? È stata concordata con il Ministero della Salute? La struttura commissariale ne è a conoscenza?  Alle ultime due domande cercherò una risposta direttamente io, contattando il Ministero”.

“Le liquidità immediatamente disponibili per coprire spese e servizi sanitari dei quali usufruiscono i cittadini molisani – ha rincarato la dose Greco - vengono presi e spesi per fare tutt’altro. Sono 15 milioni di euro sottratti per mesi alla sanità: facile per il governatore, che dice di essere un bravo commercialista, trovare in questo modo i soldi da stanziare”.

“Abbiamo assistito ad otto mesi di proclami del presidente Toma – ha aggiunto il consigliere pentastellato - otto mesi passati a dire che ha ‘sbloccato fondi', quando la realtà è molto più cruda: ha fatto la medesima operazione dei suoi predecessori. Creando così non pochi disagi, dato che già i tempi di pagamento per i fornitori nella sanità sono oltre i 190 giorni”.

Da qui l’interrogazione, per capire quali sono i pagamenti effettuati o che verranno effettuati con le risorse trasferite, chi sono i beneficiari e quando la Regione potrà reintegrare i 15 milioni della cassa sanitaria. Ma anche e soprattutto se, di questa decisione, sono stati avvisati commissario e sub commissario. Arrivati in Molise quando il trasferimento era già stato effettuato.

Unisciti al gruppo Whatsapp di isNews per restare aggiornato in tempo reale su tutte le notizie del nostro quotidiano online: salva il numero 3288234063, invia ISCRIVIMI e metti "mi piace" al nostro gruppo ufficiale

 

Privacy Policy