Piscina comunale a Isernia, il presidente Toma dice sì e ‘tira fuori' 2 milioni di euro

Piscina comunale a Isernia, il presidente Toma dice sì e ‘tira fuori' 2 milioni di euro

Valutazione attuale: 4 / 5

Stella attivaStella attivaStella attivaStella attivaStella inattiva
 

Approvate questa mattina, in Giunta regionale, le richieste di finanziamento per la realizzazione dei nuovi impianti nel capoluogo di provincia e al centro sportivo Varazi di Bojano. La soddisfazione del sindaco d'Apollonio e dell'assessore Matticoli: grazie all'attenzione del governatore, Isernia avrà un impianto modernissimo e funzionale. Il consigliere regionale della Lega, Mena Calenda, rimarca lo spessore politico e  umano di Toma che aveva promesso di risolvere l'annosa questione. "Questa è la politica del fare che ci permetterà di rilanciare il territorio".


ISERNIA. Finalmente Isernia avrà la sua nuova, moderna e funzionale piscina. La Giunta regionale ha dato il via libera alla costruzione di due nuovi impianti, sia nel capoluogo di provincia che a Bojano.

Su proposta del presidente Toma, l’Esecutivo che si è riunito questa mattina ha accolto le richieste di finanziamento avanzate dai due comuni molisani, rispettivamente di due milioni di euro per la “Demolizione e ricostruzione della piscina comunale in località Le Piane” nel Comune di Isernia e di un milione e 900mila euro per la “Realizzazione della piscina comunale all’interno del Centro sportivo Varazi in località Monteverde” nel Comune di Bojano.

toma2

“La realizzazione dei due impianti – ha spiegato il presidente Toma – si inserisce in un contesto più ampio finalizzato a qualificare i servizi complementari alle attività scolastiche. Il loro utilizzo, infatti, deve essere inquadrato nell’ambito dell’offerta formativa ed educativa delle scuole. Altro aspetto importante che abbiamo considerato per la fruizione delle piscine – ha continuato - è l’attenzione particolare verso quei nuclei familiari in condizioni di fragilità economica e sociale che, altrimenti, non potrebbero permettersi la pratica sportiva dei propri figli a pagamento. Non va dimenticato che il nuoto costituisce un’attività motoria completa, i cui effetti benefici si fanno sentire a livello fisico e psicologico. Va detto, infine, che la realizzazione dei due impianti contribuirà a creare poli di attrazione scolastica per eventi e manifestazioni di carattere regionale ed extraregionale".

Il sindaco di Isernia, Giacomo d'Apollonio, e l'assessore comunale allo sport, Antonella Matticoli, hanno immediatamente espresso la loro più viva soddisfazione.

"La scorsa estate – hanno detto d’Apollonio e Matticoli – il Comune aveva inoltrato alla Regione la richiesta di finanziamento per un progetto di demolizione e ricostruzione della piscina comunale. Il nostro obiettivo principale, infatti, non era quello di riaprire la vecchia struttura, ormai obsoleta e inadeguata rispetto ai criteri della federazione italiana nuoto, ma quello di consegnare alla città un impianto completamente nuovo e ampliato, omologabile secondo i regolamenti federali e utilizzabile anche per gare di livello nazionale.

Privacy Policy