Isernia, pressing dei sindacati su d’Apollonio

Valutazione attuale: 3 / 5

Stella attivaStella attivaStella attivaStella inattivaStella inattiva
 

Controversie e accuse pesanti sulla mancata erogazione della produttività ai dipendenti comunali: denunciate decurtazioni per quasi 300mila euro dal 2015


ISERNIA. Giunge una forte denuncia dai sindacalisti isernini. Il referente Cisl Fp di Isernia Feliciantonio Di Schiavi e il segretario generale Vincenzo Traniello hanno indetto per venerdì 25 gennaio alle ore 11 presso l’aula consiliare del Comune di Isernia un’assemblea con il personale dell’ente volta ad analizzare il problema della mancata erogazione delle legittime spettanze.

In una nota si sottolinea come i sindacati “hanno chiesto e sollecitato più volte la Parte Pubblica del Comune di Isernia a convocare il tavolo per eseguire la contrattazione decentrata integrativa al fine di poter attribuire e riconoscere al personale dipendente le loro legittime spettanze, sia a livello giuridico che economico. Il Comune non ci ha mai risposto”.   

Una denuncia grave, che viene rincarata ulteriormente da Di Schiavi e Traniello, i quali ricordano come il personale del Comune “nonostante la enorme carenza di organico, assolve quotidianamente a tutte le attività comunali con competenza e professionalità, tant'è che nessun addebito può essere mosso nei suoi confronti”.

Il problema principale sarebbe quello del mancato corrispettivo dell’indennità di produttività, che mancherebbe sin dall’anno 2012, a cui si aggiungono il non conseguimento della progressione economica orizzontale dall’anno 2007 e la decurtazione di quasi 300mila euro dovuti nel triennio 2015-18. Ma la denuncia dei sindacalisti non si ferma qui. Nella nota inviata, si specifica come “tutti i comuni della provincia di Isernia hanno determinato e destinato il Fondo per il salario accessorio relativo all'anno 2018 ed il Comune di Isernia nonostante sollecitato e diffidato non ha mai convocato il tavolo sindacale” né avrebbe mai “adottato il Regolamento per le incentivazioni tecniche, violando anche la normativa vigente che risale all'anno 2016”.

L’assemblea convocata nasce proprio dalla necessità di risolvere queste controversie in un tavolo di trattative aperto a tutto il personale dell’ente a cui è stato invitato il sindaco Giacomo d’Apollonio, “anche al fine di rassicurare i dipendenti, (che in questo periodo hanno pagato il sacrificio maggiore) che saranno soddisfatte le loro legittime aspettative ed in quali termini”.

Unisciti al gruppo Whatsapp di isNews per restare aggiornato in tempo reale su tutte le notizie del nostro quotidiano online: salva il numero 3288234063, invia ISCRIVIMI e metti "mi piace" al nostro gruppo ufficiale