Rifiuti, la differenziata passa dall’11,8 al 27,4%. Ma per i furbetti arrivano le ‘foto-trappole’

Valutazione attuale: 0 / 5

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva
 

Lo ha annunciato l’assessore comunale all’Ambiente Stefano Ramundo, illustrando l’attività svolta. E i correttivi previsti dall’amministrazione comunale


CAMPOBASSO. La percentuale di raccolta differenziata dei rifiuti a Campobasso è passata dall’11,8% al 27,4%. Lo ha ufficializzato, in conferenza stampa, l’assessore comunale all’Ambiente Stefano Ramundo.

Partito nell’aprile 2017, con l’ecostop al centro storico – a essere interessati circa 4mila cittadini - il servizio è stato esteso nel giugno 2018 ai 4mila abitanti di 37 contrade cittadine, con il porta a porta. A questi si aggiungono le famiglie di San Giovanni-Colle dell’Orso e del Quartiere Cep, dove la raccolta differenziata è partita di recente. Di conseguenza le percentuali, riferite a dicembre 2018, non tengono conto di queste utenze.

“Arrivare dal 12% scarso al 27,4% è una crescita importante – ha detto Ramundo – stiamo parlando di un servizio parziale, se rapportiamo questi dati a tutta la città possiamo sperare bene di superare prima il 50% di raccolta differenziata e poi il 65%, che è il parametro di legge. Riscontriamo una buona qualità e una buona partecipazione da parte dei cittadini, anche se dobbiamo mettere a punto dei correttivi per ridurre gli effetti collaterali”.

Correttivi che sono rappresentati in primo luogo dalle ‘foto-trappole’, fotocamere senza collegamento elettrico, di facile installazione, che di conseguenza possono essere spostate o rimosse, con cui riprendere i ‘furbetti’. Vale a dire i cittadini che non consegnano i rifiuti nell’eco-stop o non rispettano il porta a porta. “Ma siamo arrivati anche ad aprire i rifiuti – ha aggiunto Ramundo – per accertare chi effettivamente rispetta la differenziata. Abbiamo elevato una decina di multe, nei confronti di cittadini, ma anche di qualche ditta”.

Nella conferenza stampa l’assessore all’Ambiente ha parlato anche di verde pubblico, del progetto per piantare 1.500 nuovi alberi a Campobasso, oggi ne sono stati messi a dimora 600, di cui 92 nel centro storico.

Quindi la mobilità sostenibile, partendo dall’incentivazione dell’utilizzo delle auto elettriche. Oltre alle centraline di ricarica pubbliche è prevista anche la sosta gratis per tre anni, per chi passa ad auto elettriche o ibride. Un incentivo voluto dall’amministrazione comunale per ridurre l’emissione di gas inquinanti.

C.S.

Unisciti al gruppo Whatsapp di isNews per restare aggiornato in tempo reale su tutte le notizie del nostro quotidiano online: salva il numero 3288234063, invia ISCRIVIMI e metti "mi piace" al nostro gruppo ufficiale

Change privacy settings