Campobasso, Pilone e Cancellario: altolà ai tecnici, noi siamo pronti per governare

Campobasso, Pilone e Cancellario: altolà ai tecnici, noi siamo pronti per governare

Valutazione attuale: 0 / 5

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva
 

Le Amministrative sempre più vicine, i due consiglieri comunali di opposizione sottoscrivono un documento politico chiedendo un confronto all’interno dello schieramento di centrodestra al fine di evitare scelte calate dall’alto e atteggiamenti propagandistici


CAMPOBASSO. Pronti per governare Campobasso. I consiglieri comunali Marialaura Cancellario e Francesco Pilone - espressione del movimento civico “Democrazia Popolare” e all’opposizione a Palazzo San Giorgio – scendono nell’agone politico a pochi mesi dalle elezioni amministrative con un documento politico utile a ‘spiegare’ l’esperienza fatta in questi cinque anni e, soprattutto, a fornire indicazioni utili al centrodestra.

Cinque anni passati ad affrontare quotidianamente i problemi della città, a battersi per risolverli. Una esperienza amministrativa vissuta da dentro che non può e non deve – secondo Pilone e Cancellario - rimanere inutilizzata per il futuro.

“Oggi siamo più che mai pronti per il governo della città, di Campobasso, della nostra amata comunità – spiegano - e lo vogliamo fare con tutta la forza che ci contraddistingue e con l’esperienza maturata sul campo, non senza un confronto costruttivo con chi è chiamato a prendere decisioni concertative per il successo dei prossimi appuntamenti elettorali”.

L’appello alle forze politiche si concentra quindi su due punti essenziali. La necessità di predisporre e sottoscrivere una forte piattaforma programmatica che tenga conto della centralità della persona e l’individuazione di una ‘figura politica’ come candidato Sindaco dello schieramento.

In sintesi un altolà ai tecnici, alle professionalità svincolate dall’appartenenza chiara e immediatamente individuabile ad un movimento o partito che sia parte fondante del centrodestra. Basta con i soliti richiami che ogni cinque anni tornano a galla.

“Atteggiamenti più propagandistici che di sostanza, richiami all’uomo o alla donna della società civile come panacea di tutti i mali: così facendo, da esponenti politici, mortificheremmo il nostro ruolo e la nostra identità testimoniata sul campo da anni, ma soprattutto perché siamo convinti che non sia la via vincente” spiegano la Cancellario e Pilone.

Come vincere le elezioni, come può il centrodestra tornare a governare la città di Campobasso? I due consiglieri di opposizione vogliono confrontarsi con le altre forze politiche di centrodestra, partendo dalle personale esperienza politica portata avanti in cinque anni di opposizione ‘senza sconti’.

“Due sono i punti nodali per noi indispensabili alla migliore strategia vincente per il recupero della governance cittadina – spiegano - Pensiamo ad un programma autentico, in grado di proporre un genuino e fertile sodalizio tra i valori dell’etica pubblica, e dunque della solidarietà sociale sostenibile, e quelli dell’etica privata, e cioè del lavoro e delle responsabilità come ingredienti indispensabili per garantire livelli sufficienti di solidarietà e benessere per tutti. Un’attenzione particolare va data al recupero degli strumenti di pianificazione territoriale finora inesistenti. Campobasso – continuano - ha bisogno di ricucire la vivibilità dei quartieri e delle frazioni. Risulta indispensabile uno sviluppo senza ulteriore consumo di suolo attraverso la perequazione a distanza, il recupero degli immobili abbandonati e la rigenerazione urbana, le forme di incentivazione all’housing sociale ed al cohousing, una edilizia residenziale pubblica diffusa su tutto il tessuto urbano. Campobasso ha bisogno di tant’altro ancora e noi siamo pronti…nel merito e nel metodo”.

Il candidato Sindaco rappresenta l’altro punto dirimente del ragionamento dei consiglieri di Democrazia Popolare. Soprattutto in considerazione dell’ interesse del governatore Toma a ripetere lo schema che lo ha portato a vincere le elezioni regionali attraverso l’indicazione diretta del candidato giusto per vincere e tornare a governare Campobasso.

“Il candidato Sindaco della coalizione deve essere la migliore sintesi progettuale e di area, in grado di rappresentare concretamente un’appartenenza svincolata da logiche trasformistiche e soccombenti. Siamo per l’individuazione di una figura ‘politica’, espressione di un’identità facilmente riconoscibile nella coalizione moderata di centrodestra e capace di esprimere quella passione sentita che solo con il contatto quotidiano con la gente può maturarsi e quindi implementarsi in scelte gestionali di successo. Chiediamo quindi, - sottolineano Cancellario e Pilone - un sistema di coinvolgimento democratico nella scelta, che si basi sul confronto con chi da anni conosce non solo i problemi della città, ma si è speso per risolverli, evitando scelte calate dall’alto che potrebbero risultare approssimative ed infruttuose in virtù anche del sistema elettorale che vede disgiunto il voto per il Sindaco da quello per il Consigliere”.

Unisciti al gruppo Whatsapp di isNews per restare aggiornato in tempo reale su tutte le notizie del nostro quotidiano online: salva il numero 3288234063, invia ISCRIVIMI e metti "mi piace" al nostro gruppo ufficiale

 

 

Privacy Policy