Sanremo, Mahmood batte Ultimo e Il Volo e si porta a casa la palma d’oro. E Salvini fa polemica

Sanremo, Mahmood batte Ultimo e Il Volo e si porta a casa la palma d’oro. E Salvini fa polemica

Valutazione attuale: 2 / 5

Stella attivaStella attivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva
 

Il giovane artista milanese si era aggiudicato la partecipazione alla kermesse vincendo la categoria ‘Giovani’ lo scorso anno. Tutta la classifica dal quarto all’ultimo posto. Il tweet del vicepremier accende la miccia


SANREMO. Mahmood vince il 69esimo Festival di Sanremo con il suo brano ‘Soldi’, bruciando in finale Ultimo e Il Volo che chiudono rispettivamente al secondo e terzo posto. La vittoria arriva con il voto della giuria: al televoto infatti stravince Ultimo con il 46,5 per cento di voti, seguito da Il Volo con il 39,4.

Alessandro Mahmoud è nato a Milano nel 1992 da madre italiana e padre egiziano. La sua carriera è iniziata nel 2012 con X-Factor, da cui però fu eliminato alla tetreza puntata. Ha collaborato con Fabri Fibra, Elodie e Guè Pequeno. Il suo genere è abbastanza vario, collocandosi in bilico tra pop e hip-hop. Lui stesso ha dichiarato, in un’intervista a Rolling Stone, di ispirarsi a Beyoncé, Travis Scott e Frank Ocean. A dicembre è stato uno dei due vincitori di Sanremo Giovani, cosa che gli ha permesso di partecipare a quest’edizione del Festival tra i ‘big’.  

Il Premio della Critica Mia Martini e il premio Lucio Dalla sono stati vinti da Daniele Silvestri con la canzone ‘Argentovivo’, che vince anche il premio Sergio Bardotti per il miglior testo assegnato. Il premio Sergio Endrigo alla miglior interpretazione è stato vinto da Simone Cristicchi con ‘Abbi cura di me’, che vince anche il premio Giancarlo Bigazzi per la miglior composizione musicale. Ultimo con ‘I tuoi particolari’ ha vinto invece il premio TIMmusic, assegnato alla canzone più ascoltata su TIMmusic.

Un Sanremo che si riconferma per molti versi il tempio della musica ‘comoda’, relegando gli artisti potenzialmente più ‘trasgressivi’ (come Achille Lauro, al centro di pesantissime polemiche incrociate dentro e fuori la kermesse) e innovativi a metà classifica, tenendo fuori dal podio un gigante come Loredana Bertè e penalizzando fortemente alcuni ‘big’ storici come Renga, Nek, Patty Pravo e Anna Tatangelo, premiando invece dall'altro lato testi che di davvero nuovo non hanno nulla. Uscire dalla solita retorica della lacrimuccia ad ogni costo non è semplice: e ancora una volta, tentare di espugnare la fortezza sanremese con il lato più contestatore e 'rock and roll' della musica italiana non è stata impresa semplice.

CatturaIntanto, non è mancata la polemica extra musicale. Un tweet del vicepremier Salvini sulla vittoria di Mahmood non ha mancato di suscitare reazioni e repliche a raffica.

Privacy Policy