Isernia: maggioranza cercasi, il sindaco avvia le consultazioni

Isernia: maggioranza cercasi, il sindaco avvia le consultazioni

Valutazione attuale: 5 / 5

Stella attivaStella attivaStella attivaStella attivaStella attiva
 

Giacomo d’Apollonio potrebbe giocarsi un’altra carta prima dell’azzeramento di Giunta, confrontandosi con tutte le forze in campo per capire chi ci sta. Ma il tempo stringe: ai primi di marzo c’è il bilancio e senza i numeri si andrebbe a casa, con risvolti pesanti anche per Toma e tutto il centrodestra molisano


di Pasquale Bartolomeo


ISERNIA. Procederà ad ascoltare tutti. Alleati di maggioranza, per primi, ma anche gli altri gruppi che, al momento, maggioranza non sono, per capire chi ci sta. Il sindaco di Isernia, Giacomo d’Apollonio, si prepara ad affrontare la crisi. La prima, vera crisi da quando è in sella a Palazzo San Francesco, deflagrata nel Consiglio comunale di venerdì scorso, 8 febbraio, sul casus belli dell’elezione del presidente dell’assise. Una questione che ha visto mancare all’appello il voto dei 6 consiglieri dei Popolari per l’Italia che, pur confermando la loro appartenenza alla maggioranza, si sono rivelati un’autentica spina nel fianco del sindaco.

consiglio 8 02 19 2Dopo un weekend di riflessione che ormai volge al termine, il primo cittadino starebbe dunque lavorando alla soluzione per andare avanti. E, secondo i rumors, avrebbe già individuato non una, ma due strade possibili per uscire dal vicolo cieco in cui è finito, suo malgrado. Partendo, appunto, da una sorta di ‘consultazioni’ che gli consentano di trovare i numeri. Dalla sua, di sicuro, ci sarà la lista di diretta promanazione, ‘Isernia in Comune’, con 5 consiglieri: Nicola Moscato, Giovanni D’Agnone, Rita Papili, Giampiero Mancini e il capogruppo Mario Antonelli. Quest’ultimo si è astenuto a sorpresa in Consiglio sull’eventualità di non discutere la questione del rinnovo del presidente dell’assise. Nonostante il sindaco e il resto della lista di riferimento avessero votato la pregiudiziale del gruppo Iorio che proponeva il ritiro del punto all’ordine del giorno, in forza di un parere del ministero dell’Interno che sosteneva l’irretroattività della nuova norma statutaria introdotta nel novembre scorso, fissando a 30 mesi la durata del mandato del presidente del Consiglio. Una decisione, quella di Antonelli, a quanto pare dettata piuttosto dalla volontà di dare un segnale agli altri gruppi di maggioranza: di fronte alla certezza, in aula, di non avere i numeri per ritirare l’argomento, Antonelli avrebbe così rimarcato che, in caso di azzeramento di Giunta, la maggioranza non potrà non tenere conto della forza del suo gruppo, composto da 5 consiglieri.

L’azzeramento di Giunta, appunto. Invocato da più parti nelle scorse settimane a causa del mutato equilibrio interno al centrodestra, con gruppi granitici che si sono sfaldati via via – come ‘Insieme per il Molise’ di Michele Iorio, passato da 12 a 4 rappresentanti - dando luogo alla costituzione di nuovi soggetti politici (come i Popolari, primo gruppo in assise con 6 esponenti), si tratterebbe di una soluzione che d’Apollonio vorrebbe praticare extrema ratio. Non tanto e non solo in quanto ‘allergico’ alle trattative per le poltrone, ma perché – in tal caso – a giocare la palla non sarebbe più lui in prima persona ma, dall’altra parte del campo, i partiti e i gruppi, che tenterebbero tutti di tirarlo per la giacchetta per avere la ‘dovuta’ visibilità.

Diversamente, con le consultazioni, sarebbe d’Apollonio in persona a condurre il gioco: convocando i singoli gruppi, volta per volta, e pattuendo il da farsi. A cominciare, come detto, da suoi fedelissimi (ma senza escludere certo i Popolari, dai quali ora più che mai non può prescindere prima di ragionare di numeri); poi da Fratelli d’Italia, che in aula con la consigliera Rossella Pitisci hanno ribadito di essere un punto fermo, in un’ottica di continuità amministrativa; dai 4 ‘sopravvissuti’ della lista Iorio – Enrico Caranci, Rita Di Pilla, Elisabetta Lancellotta e il presidente del Consiglio Peppino Lombardozzi. Dieci voti sicuri, dunque, più quello del sindaco. Ma per avere una maggioranza minima, ne occorrono almeno altri 6. Dove trovarli? Le ancore di salvataggio potrebbero essere di due tipi: la Lega, innanzitutto, che in aula si è astenuta sulla pregiudiziale con i due consiglieri presenti, Stefano Testa e Gianluca Di Pasquale (assente per altri impegni istituzionali Mena Calenda), mostrando così la volontà di un’apertura verso il sindaco e la sua maggioranza. O, ancor più, ‘Isernia Migliore’ di Roberto Di Baggio, che conta su ben 5 consiglieri i quali, tuttavia, hanno abbandonato l’aula contribuendo anch’essi a far venire meno il numero legale e a mettere d’Apollonio sulle spine.

toma di baggioAppena sarà riconvocato, nei tempi tecnici, il nuovo Consiglio comunale, si ripartirà tuttavia dal tribolato punto dell’elezione del presidente dell’assise. Per allora, dunque, le caselle del puzzle dovranno essere state tutte sistemate al proprio posto. Trattative tutte da intavolare, dunque, ma il fattore tempo non pende certo a favore delle lungaggini. Ai primi di marzo c’è il bilancio di previsione da votare e lì, sui numeri, non si scherza. Una spallata prima del termine naturale della consiliatura, iniziata nel giugno 2016, significherebbe di riflesso un indebolimento notevole anche per il governatore Donato Toma e per tutto il centrodestra molisano, in ottica elezioni amministrative a Campobasso e Termoli, previste nel maggio prossimo. Eppure, proprio Toma e il suo assessore Di Baggio, nelle ultime settimane, hanno mostrato grande vicinanza a Isernia e al sindaco, come attestato dai 2 milioni di euro di fondi destinati per la piscina comunale.

Difficile, dunque, che il presidente della Regione non si faccia garante di tutti gli equilibri, cosa che non riuscì all'ex governatore Paolo Frattura, nel settembre 2015, con il sindaco Luigi Brasiello, sfiduciato da 8 dei suoi consiglieri proprio sul bilancio.

,

 


Unisciti al gruppo Whatsapp di isNews per restare aggiornato in tempo reale su tutte le notizie del nostro quotidiano online: salva il numero 3288234063, invia ISCRIVIMI e metti "mi piace" al nostro gruppo ufficiale

 

Privacy Policy