Bit di Milano: ecco perché la gara è stata aggiudicata alla ‘Planet Call’

Bit di Milano: ecco perché la gara è stata aggiudicata alla ‘Planet Call’

Valutazione attuale: 0 / 5

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva
 

La deliberazione del commissario straordinario dell’Azienda autonoma di Soggiorno di Termoli specifica sia la tempistica relativa alla decisione di partecipare sia le procedure di evidenza pubblica per l’affidamento del servizio di progettazione, allestimento e servizi complementari


CAMPOBASSO. Da oggi e fino al 12 febbraio, il Molise partecipa alla Bit 2019. Una presenza decisa il 31 luglio scorso, come si evince dalla deliberazione del Commissario straordinario, Remo Di Giandomenico.

L’11 luglio, quindi venti giorni prima, l’assessore Cotugno aveva dichiarato all’Ansa che la Regione Molise non avrebbe partecipato per razionalizzare le spese e investire quelle risorse necessarie per la presenza alla Borsa Internazionale del Turismo con un’altra vision strategica. Motivazioni che potrebbero essere state oggetto di un ripensamento o di altre valutazioni.

bit 4

Il 10 ottobre, l’Azienda autonoma di Soggiorno di Termoli (che di fatto partecipa alla Bit in rappresentanza della Regione Molise) chiede ufficialmente “un contributo adeguato per fare fronte a tutte le spese sottese alla partecipazione”.

Il giorno prima, il 9 ottobre, la stessa Azienda approva l’avviso per la manifestazione di interesse a partecipare alla procedura negoziata per l’affidamento del servizio di progettazione, allestimento e servizi complementari destinati alla partecipazione alla Bit.

Quindi, il servizio è stato 'messo a gara': l’8 di novembre, si è stabilito di affidare il servizio mediante procedura negoziata con la scelta dell’operatore economico che avrebbe presentato l’offerta economicamente più vantaggiosa sulla base del miglior rapporto qualità/prezzo.

Dieci le ditte invitate alla procedura, sia di Isernia sia di Campobasso. La commissione, nominata il 14 dicembre, ha preso atto che alla scadenza del termine fissato per la presentazione della manifestazione d’interesse era pervenuta e dichiarata ammissibile una sola offerta tecnica, quella della ‘Planet Call’. Offerta pari a 59mila euro più Iva.

Il contributo della Regione al momento non risulterebbe essere stato erogato visto che, sempre nella stessa deliberazione, si fa espressamente riferimento ad alcuni capitoli di bilancio dell’esercizio 2019 ‘in corso di predisposizione’.

Unisciti al gruppo Whatsapp di isNews per restare aggiornato in tempo reale su tutte le notizie del nostro quotidiano online: salva il numero 3288234063, invia ISCRIVIMI e metti "mi piace" al nostro gruppo ufficiale

 

Privacy Policy