‘Io amo Campobasso’, il plauso di Durante: “I movimenti civici espressione di democrazia”

‘Io amo Campobasso’, il plauso di Durante: “I movimenti civici espressione di democrazia”

Valutazione attuale: 0 / 5

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva
 

Il presidente del Consiglio comunale ha espresso apprezzamento per l’iniziativa che ha portato alla presentazione di un manifesto per il rilancio della città. La discussione con associazione e movimenti, ha detto, è fondamentale per l’amministrazione


CAMPOBASSO. “I movimenti civici sono la massima espressione di democrazia. Ci criticano? Chi amministra la cosa pubblica deve avere il coraggio di chiedere scusa per i propri errori”.

Questo il parere di Michele Durante, presidente del Consiglio comunale di Campobasso, in merito alla presentazione del movimento ‘Io amo Campobasso’. Che saluta i promotori e i sottoscrittori del manifesto, “perché chi decide di rappresentare le istanze dei cittadini scendendo in campo in prima persona va prima di tutto ringraziato”. Una considerazione nei confronti del civismo politico, dal quale lo stesso Durante proviene.

“Quando un gruppo di cittadini decide di attivarsi – ha dichiarato Durante - passando dai social alla piazza politica reale e lo fa con un atto di grande responsabilità ed autocritica, per non essersi fino ad ora impegnati in prima persona, rende un valore aggiunto alla discussione e di fatto pone le basi della dialettica sociale, culturale e politica”.

“Non dobbiamo sottrarci a questa discussione – ha aggiunto - abbiamo invece il dovere di stimolarla. Da amministratore pubblico, mi sento di invitare a un sano confronto sui temi e sulle attività di amministrazione i movimenti civici, le associazioni e i gruppi di cittadini, e tutti quanti si sentano portatori di istanze e proposte: un confronto aperto leale e pubblico, per condividere quello che si è fatto, quello che non si è portato a termine, le cose buone e gli errori commessi”.

“Abbiamo il compito di gestire la cosa pubblica e quel compito ci è stato assegnato dai cittadini elettori. Dobbiamo consapevolmente assumere la responsabilità anche degli errori commessi – ha concluso il presidente del Consiglio comunale di Campobasso - dei quali dobbiamo avere il coraggio di chiedere scusa”.

Unisciti al gruppo Whatsapp di isNews per restare aggiornato in tempo reale su tutte le notizie del nostro quotidiano online: salva il numero 3288234063, invia ISCRIVIMI e metti "mi piace" al nostro gruppo ufficiale

 

Privacy Policy