Incubo 'regionalismo differenziato'. Tedeschi attacca Mazzuto: prima i molisani, poi la Lega e Salvini

Valutazione attuale: 1 / 5

Stella attivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva
 

In aula ieri, nel corso della seduta fiume sull’argomento, il consigliere regionale dei Popolari per l’Italia ha ’ammonito’ l’assessore in quota Lega. “Deve mettere a rischio la permanenza in Giunta pur di difenderci, rischiamo di scomparire”


CAMPOBASSO. Il regionalismo differenziato, terreno di scontro politico. Ma non poteva essere diversamente. I Popolari per l’Italia ci vanno giù duro e, nel mirino, finisce la Lega che nell’Esecutivo regionale del Molise conta un assessore.

“Il Molise è a rischio chiusura – commenta Antonio Tedeschi, consigliere regionale che ieri, nel corso del dibattito in Consiglio regionale, non ha lesinato parole di fuoco verso l’assessore leghista - e non è possibile né pensabile che chi dovrebbe difendere e lavorare per il Molise non si adoperi per questo. Prima delle ragioni del partito, vengono quelle dei molisani”.

mazzuto e salvini

E’ il secondo ‘sgarbo’ della Lega, in effetti. Il primo ha riguardato la vicenda della struttura commissariale per la Sanità, sulla quale non si è registrato alcun interessamento del partito di Matteo Salvini rispetto alle richieste provenienti dalla Regione che ha un rappresentante leghista in Giunta. Poi il regionalismo differenziato che rappresenterebbe il ‘colpo di grazia’ per il piccolo Molise.

“Ad oggi non riusciamo a risolvere le tante emergenze che attanagliano il nostro territorio sotto il profilo del lavoro, delle infrastrutture, del turismo. Non oso immaginare cosa potrebbe accadere se le richieste di tre regioni che insieme contano oltre il 40% del Pil nazionale dovessero essere accolte” rimarca Tedeschi.

Quale la vicinanza al Molise della Lega? La filiera istituzionale tra Regione e Governo dove si è inceppata?

Credo che Mazzuto debba mettere a rischio la sua permanenza nella Giunta Toma per difendere le ragioni del Molise, per salvarlo da quella che è una ipotesi sciagurata che potrebbe abbattersi anche sulla nostra regione con effetti di certo maggiormente devastanti di quelli che avrebbe su altre. Noi vogliamo essere ascoltati di più, vogliamo maggiore rispetto e dal Governo centrale ci aspettiamo tutele e attenzioni”.

Unisciti al gruppo Whatsapp di isNews per restare aggiornato in tempo reale su tutte le notizie del nostro quotidiano online: salva il numero 3288234063, invia ISCRIVIMI e metti "mi piace" al nostro gruppo ufficiale

 

Change privacy settings