Strisce blu a Isernia: la rivolta di residenti e commercianti in via XXIV Maggio

Valutazione attuale: 3 / 5

Stella attivaStella attivaStella attivaStella inattivaStella inattiva
 

I cittadini contestano la scelta dell’amministrazione comunale e ‘bocciano’ la decisione di istituire parcheggi a pagamento su entrambi i lati della strada. Il consigliere Fabrizio attacca l’amministrazione: “Subito la sospensione dell’affidamento dell’appalto”. GUARDA LA VIDEOINTERVISTA



ISERNIA. Non si placano, anzi si moltiplicano a Isernia le proteste legate alla rivoluzione delle soste blu. La scelta adottata dal Comune viene contestata da più parti e questa mattina a far sentire la loro voce sono stati commercianti e residenti di via XXIV Maggio.

 strisce blu via xxiv maggioI cittadini si sono dati appuntamento in strada per un momento di protesta simbolico, necessario a far comprendere agli amministratori di Palazzo San Francesco che, rispetto alla questione parcheggi, è necessario fare un passo indietro.

Motivo del contendere è soprattutto la decisione di istituire soste a pagamento lungo entrambi i lati di una delle strade più trafficate del capoluogo pentro.

“Per chi vive qui – hanno sottolineato – è impossibile trovare un posto non a pagamento. Il Comune può istituire i parcheggi a pagamento, ma bisogna adottare criteri adeguati. Noi non abbiamo più un posto dove lasciare l’auto senza pagare il biglietto.Siamo centinaia di famiglie, per non parlare di anziani e invalidi che saranno costretti a subire disagi enormi. Visto che non ci sono più parcheggi liberi allora forse è il caso che il Comune ci metta a disposizione degli autobus che ci consentano di non prendere più la macchina”.

Sul piede di guerra anche i negozianti del quartiere. “In questo modo verranno favorite le grandi catene commerciali – hanno sottolineato -, mentre noi piccoli negozianti verremo ulteriormente penalizzati. Isernia sta morendo e noi dobbiamo difendere il nostro lavoro”.

GUARDA LA VIDEOINTERVISTA

 

Insieme ai residenti e ai commercianti, questa mattina erano presenti in via XXIV Maggio anche le consigliere Filomena Calenda e Rita Formichelli, mentre sulla questione si è registrata anche una nuova dura presa di posizione da parte del capogruppo di Forza Italia al Comune Raimondo Fabrizio che chiede l’immediata sospensione dell’affidamento dell’appalto per la gestione delle soste blu.

raimondo fabrizio pm 2“Il numero degli stalli e le planimetrie – ha sottolineato – sono diversi da quelli portati in Consiglio. Chiedo la sospensione immediata perché ci sono degli errori, a cui bisogna porre rimedio. Quello che è stato fatto è illegittimo. Illegittime sono anche le soste a pagamento su entrambi i lati della strada, come nel caso di via XXIV Maggio. Da rimuovere immediatamente, a mio avviso, anche le strisce blu realizzate sulla pavimentazione del centro storico. Errori si possono commettere, ma sbagliare è umano, mentre perseverare è diabolico. E’ necessario – ha detto infine - fare un passo indietro e riportare la questione in Aula”.

Deb.Div.

Unisciti al gruppo Whatsapp di isNews per restare aggiornato in tempo reale su tutte le notizie del nostro quotidiano online: salva il numero 3288234063, invia ISCRIVIMI e metti "mi piace" al nostro gruppo ufficiale 

Change privacy settings