Comunità Montane, defunte ma foraggiate con altri 900mila euro. Greco: Toma, smettila di prenderci in giro

Comunità Montane, defunte ma foraggiate con altri 900mila euro. Greco: Toma, smettila di prenderci in giro

Valutazione attuale: 5 / 5

Stella attivaStella attivaStella attivaStella attivaStella attiva
 

Il portavoce del Movimento 5 Stelle in Consiglio regionale attacca il presidente della Regione che, nella finanziaria che sarà al vaglio dell’aula a breve, ha accantonato altri 900mila euro per gli enti che in base ad una legge regionale sono stati soppressi da 8 anni. Si passa da 2 milioni e 400mila euro a oltre 3 milioni


CAMPOBASSO. Enti che sulla carta sarebbero ‘defunti’ ma che invece sembrano vivi e vegeti tanto da avere bisogno di iniezioni di denaro pubblico. Le Comunità Montane, che da 8 anni in base ad una normativa regionale avrebbero dovuto essere soppresse, invece continuano a sopravvivere e costano anche parecchio.

Nella finanziaria in arrivo in Consiglio regionale – spiega Andrea Greco, portavoce del Movimento 5 Stelle in Consiglio regionale - per le Comunità montane sono stati accantonati 900 mila euro in più rispetto allo scorso anno, passando da 2,4 a 3,3 milioni di euro. Un bel premio per degli enti che non possono operare e di cui si prevede la scomparsa dal 2011. Ma cosa si vuole premiare, con i soldi dei molisani? La finalità principale delle Comunità - attacca ancora il consigliere regionale di Agnone - sembra essere quella di garantire uno stipendio-ricompensa ai quattro commissari liquidatori, scelti direttamente dal governatore Toma nel 2018 tra i suoi sostenitori nella campagna elettorale delle scorse Regionali, poi confermati nel 2019. Costo dell’operazione: circa 100.000 euro annui, ovviamente pagati con le nostre tasse. Il tutto fatto in base ad una legge che assicura la nomina dei commissari direttamente in capo al Presidente della Giunta regionale”.

Non solo esborso continuo di denaro pubblico per enti ai quali, di fatto, avrebbero dovuto staccare la spina parecchio tempo fa. Greco pone degli interrogativi all’attenzione del Governo regionale.

greco buona

Esiste un elenco dettagliato di tutti i beni mobili e immobili venduti dal 2011 ad oggi? A chi sono stati venduti? Attraverso quale procedura di evidenza pubblica? Esistono delle relazioni dei commissari?

Dopo aver denunciato la vergognosa spartizione delle poltrone commissariali tra sostenitori politici e candidati al fianco di Toma, e dopo aver provato a cambiare le cose con una proposta bocciata dalla maggioranza, ho presentato una interrogazione, indirizzata proprio al presidente della Regione.

Lo scopo – spiega ancora il portavoce - è quello di capire quanti e quali beni mobili e immobili di proprietà delle Comunità montane sono stati alienati dal 2011, quali beni sono in fase di alienazione, con quali procedure di evidenza pubblica sono state effettuate tali alienazioni, qual è il ricavato di ogni singola vendita e chi sono gli acquirenti. Ma bisogna anche capire qual è il patrimonio attuale e qual è il valore iscritto a bilancio di ogni Comunità montana in liquidazione.

Toma smetta di prendere in giro i molisani, tiri fuori le carte riguardanti le Comunità montane e abbia il coraggio di dirci un solo motivo per cui questi enti sono ancora in vita e, addirittura, costano sempre di più”.

Unisciti al gruppo Whatsapp di isNews per restare aggiornato in tempo reale su tutte le notizie del nostro quotidiano online: salva il numero 3288234063, invia ISCRIVIMI e metti "mi piace" al nostro gruppo ufficiale

 

Privacy Policy