I fondi per il terremoto nello ‘Sblocca cantieri’: 21 comuni molisani nell’area del ‘cratere’

I fondi per il terremoto nello ‘Sblocca cantieri’: 21 comuni molisani nell’area del ‘cratere’

Valutazione attuale: 0 / 5

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva
 

Il provvedimento accorpato all’attenzione del Consiglio dei Ministri. In totale 300 milioni per le aree del Paese colpiti dalle scosse sismiche del 2018 e per la ricostruzione



CAMPOBASSO. Le norme sul terremoto sono state accorpate nello ‘Sblocca cantieri’. ‘Sparito’, a quanto pare, il decreto ad hoc sul terremoto, di cui si era parlato nelle scorse settimane, ma che non è mai arrivato al Consiglio dei Ministri. Provvedimento contenente le misure a sostegno delle aree della provincia di Campobasso e di Catania, colpite dalle scosse del 2018 e le norme per accelerare la ricostruzione nel Centro Italia, a L'Aquila e ad Ischia.

Come anticipa Public Policy le risorse ammontano a circa 300 milioni di euro, per le varie aree del Paese colpite dai terremoti: 60,5 milioni per il 2019, 80 milioni per il 2020, 90 milioni per il 2021 e 30 milioni per ciascuno degli anni 2022 e 2023.

Definita intanto l’area del ‘cratere’, di cui fanno parte 21 comuni della provincia di Campobasso e 9 comuni della provincia di Catania. Questo l’elenco dei comuni del Molise: Acquaviva Collecroce, Campomarino, Castelbottaccio, Castelmauro, Guardialfiera, Guglionesi, Larino, Lupara, Montecilfone, Montefalcone del Sannio, Montemitro, Montorio nei Frentani, Morrone del Sannio, Palata, Portocannone, Rotello, San Felice del Molise, San Giacomo degli Schiavoni, San Martino in Pensilis, Santa Croce di Magliano e Tavenna.

Unisciti al gruppo Whatsapp di isNews per restare aggiornato in tempo reale su tutte le notizie del nostro quotidiano online: salva il numero 3288234063, invia ISCRIVIMI e metti "mi piace" al nostro gruppo ufficiale

Privacy Policy