Chiusura senologia, Lombardi non ci sta: anche i piccoli comuni facciano sentire la propria voce

Valutazione attuale: 5 / 5

Stella attivaStella attivaStella attivaStella attivaStella attiva
 

Il sindaco di Roccamandolfi prende posizione contro il depotenziamento dell’ospedale di Isernia e invita i colleghi amministratori a unirsi al coro dei no


ROCCAMANDOLFI. Anche la voce dei piccoli comuni inizia a farsi sentire a difesa del reparto di senologia del ‘Veneziale’ di Isernia. Il sindaco di Roccamandolfi Giacomo Lombardi prende posizione in maniera chiara e netta contro una eventuale chiusura del reparto di senologia di Isernia e contro quel lento ma costante depotenziamento dell’intera struttura in generale.     

“Il ‘Veneziale’ di Isernia con i suoi reparti rappresenta – spiega Lombardi – un punto di riferimento, non solo per la città di Isernia, ma anche per tutti i piccoli comuni delle aree interne dell’hinterland, che già soffrono un forte spopolamento causato oltre che dalla dilagante disoccupazione anche da una carenza dei servizi essenziali alla persona”.

“In un territorio fragile come quello molisano – continua il sindaco – è fondamentale difendere tutti i presidi istituzionali esistenti, ancor più se si tratta di presidi sanitari, che forniscono servizi diretti alla persona garantiti oltre tutto dalla nostra carta costituzionale”.

“Sono sicuro – conclude Lombardi – che anche gli amministratori dei piccoli comuni faranno sentire con fermezza la propria voce al fianco del comitato, dei cittadini e delle istituzioni della città di Isernia”.

Unisciti al gruppo Whatsapp di isNews per restare aggiornato in tempo reale su tutte le notizie del nostro quotidiano online: salva il numero 3288234063, invia ISCRIVIMI e metti ‘mi piace’ al nostro gruppo ufficiale

Change privacy settings