Rete idrica, nuove infrastrutture per l’acquedotto ‘Campate-Forme’

Valutazione attuale: 0 / 5

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva
 

Il sindaco di Filignano Lorenzo Coia ha illustrato le iniziative in cantiere. In arrivo il via libera della concessione e un finanziamento dal ministero dei Trasporti



FILIGNANO. Rete idrica: novità in arrivo in tema di infrastrutture sull’acquedotto ‘Campate-Forme’ nel tratto Scapoli-Cerasuolo del comune di Filignano. A illustrarle è il sindaco del paese Lorenzo Coia.

“In dirittura d’arrivo – annuncia il primo cittadino -, dopo le Conferenze di servizio dei mesi scorsi, l’autorizzazione alla Molise idro di Campomarino diretta ad ottenere il rilascio della concessione per derivare una portata di moduli medi 0,30 (30,00 l/sec) di acqua pubblica ad uso idroelettrico mediante intersezione della esistente condotta di adduzione dell’acquedotto ‘Campate –Forme’ in gestione all’azienda speciale regionale Molise Acque, con opera di presa dal bottino di presa delle sorgenti Campate, ubicate in località Contrada Valle Viata e restituzione al serbatoio Cerasuolo, pure nel comune di Filignano, per realizzare sul salto legale di 558 metri un impianto idroelettrico della potenza nominale media di 164,2 kW. La concessione porterà alla Regione Molise una entrata pari al 15 % del fatturato, a partire da 11.100 euro annue fisse”.

Previsto poi anche lo stanziamento di risorse da parte del Governo centrale. “Altro finanziamento – spiega in merito Coia -nel piano nazionale Invasi del ministero Infrastrutture e Trasporti, sono destinati al Molise anche 1.492.000 euro per lo studio di fattibilità di un intervento attualmente in fase di progettazione: il rifacimento dell’acquedotto ‘Campate-Forme’ e la realizzazione di un collegamento diretto tra il partitore di Scapoli ed il serbatoio di Cerasuolo. Questo intervento strategico per l’intero settore idrico molisano previsto dal piano Invasi, rientra tra gli altri di messa in sicurezza di acquedotti danneggiati o malfunzionanti.

In aggiunta alla rete di captazione e adduzione, di competenza Ega, quindi regionale, si segnala che il Comune di Filignano sta realizzando, con finanziamento di 503.000 euro PAR Molise FSC 2007/2013, un sistema di efficientamento della propria rete idrica comunale, che consentirà di monitorare continuamente il flusso idrico, individuare le perdite e, tempestivamente, effettuare le relative riparazioni. Tale infrastruttura – conclude Coia -consentirà un risparmio nei consumi fatturati a Molise Acque e aumenterà la portata dell’intera rete comunale".

Unisciti al gruppo Whatsapp di isNews per restare aggiornato in tempo reale su tutte le notizie del nostro quotidiano online: salva il numero 3288234063, invia ISCRIVIMI e metti "mi piace" al nostro gruppo ufficiale

Change privacy settings