Quando le frane travolgono speranze e vite: Uno Mattina accende le telecamere sull’Alto Molise

Quando le frane travolgono speranze e vite: Uno Mattina accende le telecamere sull’Alto Molise

Valutazione attuale: 5 / 5

Stella attivaStella attivaStella attivaStella attivaStella attiva
 

Questa mattina ospite in studio il presidente dell’Ordine dei Geologi, Giancarlo De Lisio. Intervistati anche il collega Maurizio D’Ottavio e la battagliera Enrica Sciullo


CAMPOBASSO. Il dissesto idrogeologico, che colpisce oltre il 90% del territorio del Molise. Che divora strade, case e montagne. Che porta via anche intere comunità, paesi che restano vuoti e silenziosi, senza servizi essenziali.

Se ne è parlato oggi, nel corso della puntata di ‘Uno Mattina’: ospite dello studio il presidente dell’Ordine dei Geologi del Molise, Giancarlo De Lisio che ha raccontato la fragilità del territorio e le situazioni esplosive che innesca.

Come quella, documentata sempre nel corso della puntata, che riguarda l’alto Molise, alle prese con la chiusura del viadotto Sente. I contributi del collega Maurizio D’Ottavio, direttore de ‘L’Eco dell’Alto Molise’ e della battagliera Enrica Sciullo hanno chiarito all’Italia intera quello che i molisani (soprattutto i coraggiosi residenti delle zone interne) vivono sulla propria pelle da tempo.

Opere fragili che si scontrano con la vulnerabilità del terreno. Seguono anni e anni di lavori di messa in sicurezza ma nel frattempo le zone interne si spopolano, gli ospedali chiudono, l’economia si spegne lentamente come l'intera comunità che, però, in questo caso e ormai da decenni non ha alcuna intenzione di subire in silenzio. Annunciate azioni eclatanti, come l'occupazione della Trignina.

Unisciti al gruppo Whatsapp di isNews per restare aggiornato in tempo reale su tutte le notizie del nostro quotidiano online: salva il numero 3288234063, invia ISCRIVIMI e metti "mi piace" al nostro gruppo ufficiale

Privacy Policy