Campobasso città del ciclismo: giovedì scuole chiuse per il ‘Giro d’Italia’ e gare in centro

Campobasso città del ciclismo: giovedì scuole chiuse per il ‘Giro d’Italia’ e gare in centro

Valutazione attuale: 0 / 5

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva
 

Dopo la firma dell’ordinanza del sindaco Antonio Battista, che ha sospeso le attività didattiche per consentire agli studenti di assistere all’evento e evitare problemi legati alla circolazione. La ‘carovana rosa’ dovrebbe arrivare in città intorno alle 13.55, passando dalle strade del centro, per imboccare via Puglia. Fin dalla mattina le prove della competizione amatoriale dedicata alle bici elettriche


CAMPOBASSO. Campobasso diventa per un giorno città del ciclismo. Il 16 maggio il capoluogo regionale sarà protagonista della tappa del Giro d’Italia (Cassino – San Giovanni Rotondo) con il passaggio del Giro Rosa lungo le strade della città: entrando da Porta Napoli, attraverserà Piazza Falcone e Borsellino, viale Elena (in senso di marcia contrario), via Mazzini, via San Giovanni, via Puglia per poi imboccare la Fondovalle per Foggia. Il Giro dovrebbe arrivare in città intorno alle ore 13,55 mentre la carovana pubblicitaria del Giro sarà a Campobasso già dalle 12.

Sempre giovedì 16 maggio, Campobasso ospiterà anche la partenza del Giro E, da piazza Pepe, intorno alle ore 8,30. A partire dalle 7,10 inizieranno le procedure di presentazioni team Giro E sul palco (sempre in Piazza Prefettura) e foglio firme. Il Giro E è un giro amatoriale che segue il giro rosa e che si contraddistingue per l’utilizzo di bici elettriche. Iniziativa avviata l’anno scorso in via sperimentale e che nel 2019 diventa parte integrante della grande macchina organizzativa del Giro d’Italia. Sport dunque, ma anche ecologia e rispetto dell’ambiente per una viabilità sostenibile: questo il messaggio che ‘veicolano’ i partecipanti del Giro E.

Una giornata completamente dedicata alle due ruote, fortemente voluta dall’amministrazione di Palazzo San Giorgio, che così punta l’attenzione su uno sport nobile qual è il ciclismo e sulla ricaduta sociale, turistica e promozionale che il Giro d’Italia regala al capoluogo. Un’occasione unica, non solo per gli appassionati storici, ma anche i ragazzi che, approfittando della sospensione delle attività didattiche, potranno partecipare all’evento sportivo che si colloca tra i più importanti dell’anno.

Unisciti al gruppo Whatsapp di isNews per restare aggiornato in tempo reale su tutte le notizie del nostro quotidiano online: salva il numero 3288234063, invia ISCRIVIMI e metti "mi piace" al nostro gruppo ufficiale

Privacy Policy