Tagli ai vitalizi, ok a legge condivisa. Pd: risparmi destinati al sociale. Calenda: “Soldi a dializzati e a ex Ittierre”

Valutazione attuale: 0 / 5

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva
 

In aula la discussione e il voto sulla rideterminazione degli assegni maturati dai Consiglieri regionali prima del 2012 e sulla destinazione dei fondi così recuperati. All’ordine del giorno anche l’istituzione della commissione speciale per lo studio del fenomeno della criminalità organizzata in Molise


CAMPOBASSO. Via libera del Consiglio regionale del Molise alla legge sulla rideterminazione dei vitalizi dei consiglieri di palazzo D’Aimmo, che hanno maturato l’assegno prima del 2012.
Oggi in aula la discussione sulla proposta a firma di Toma e Micone, passata all’unanimità, con voto su un ordine del giorno volto ad indirizzare i risparmi alla spesa per il sociale.

Un taglio imposto dalla legge di bilancio 2019 dello Stato, in base a criteri stabiliti in sede di Conferenza Stato-Regioni con una pdl frutto di un’intesa tra le parti. La nuova norma contiene l’ambito di applicazione della stessa, la rideterminazione degli importi minimi e massimi spettanti agli ex consiglieri, assessori e presidenti regionali e la disciplina delle operazioni da effettuare per ottenere il montante contributivo individuale.

Nella circostanza è stata così approvato l’ordine del giorno relativo alla destinazione dei risparmi alle fasce deboli, avanzato dai consiglieri Fanelli, Facciolla, Primiani, Greco, Manzo, Di Lucente, Romanuolo, Matteo, Calenda, Romagnuolo e Pallante.

Soddisfazione è stata quindi espressa dagli esponenti dem in assise, i quali hanno rivendicato la ‘paternità’ della proposta che ha incontrato i favori di tutto il consesso.
“Questa mattina, nel corso della seduta del Consiglio regionale, il Gruppo consiliare Pd – si legge in una nota - ha votato la legge sulla rideterminazione dei vitalizi dei consiglieri regionali. Per migliorare ulteriormente il testo presentato dalla maggioranza, abbiamo tuttavia presentato un ordine del giorno, passato all'unanimità, per indirizzare i risparmi conseguiti alla spesa per il sociale e, in particolar modo, alle fasce di popolazione a maggior rischio di esclusione sociale. Un segnale importante e dovuto, - prosegue il comunicato - che allinea il Molise alle direttive nazionali, di cui il Gruppo Consiliare del Partito Democratico si era fatto promotore sin dall'inizio della legislatura, presentando una specifica proposta di legge, oggi ritirata per permettere a tutta l’aula di approvare un testo condiviso da tutte le forze politiche rappresentate in Consiglio”.

Sull’argomento è intervenuta anche la consigliera di maggioranza Filomena Calenda, la quale, in qualità di presidente della IV Commissione permanente, ha suggerito in aula l’opportunità di utilizzare i fondi risparmiati dalla rideterminazione dei vitalizi per finanziare il trasporto dei dializzati o per pagare le spettanze pregresse agli ex lavoratori Ittierre.

“Partendo dal presupposto che non è possibile modificare i termini della proposta perché frutto dell’accordo stilato in Conferenza Stato-Regione, - ha affermato la Calenda - credo che, invece, possiamo e dobbiamo dire la nostra sulla destinazione di questi fondi. Questi ultimi non sono molti ma potrebbero essere investiti nell’ambito sociale. Ad esempio, più volte mi sono fatta portatrice delle istanze dei dializzati, in particolare riguardo al servizio di trasporto che è stato sospeso lo scorso dicembre. Ma altre istanze bussano alla porta di questo Consiglio. Mi riferisco agli ex Ittierre, ormai fuori da ogni partita per quel che concerne la mobilità in deroga. Spero - ha concluso - che l’amministrazione regionale tenga conto di queste esigenze che provengono dalle fasce più in difficoltà della popolazione”.

In Consiglio anche il tema dell’istituzione di una Commissione speciale, a carattere temporaneo, di studio sul fenomeno della criminalità organizzata in Molise. L’assemblea ha designato, con votazione unanime, come componenti della stessa i Consiglieri Armandino D’Egidio, Paola Matteo e Aida Romagnuolo, per la maggioranza; mentre per le minoranze sono stati scelti i Consiglieri Micaela Fanelli e Vittorio Nola.

Il Consiglio ha altresì eletto, con estrazione a sorte, i tre componenti del Collegio dei Revisori dei Conti della Regione Molise nelle persone di Vito Di Maria, Filippo Mangiapane e Francesco Marcone.


L’assise, infine, ha designato Marco Di Girolamo quale membro Collegio dei Revisori dei Conti dell’Istituto Zooprofilattico Sperimentale dell'Abruzzo e del Molise "G. Caporale".

 

Unisciti al gruppo Whatsapp di isNews per restare aggiornato in tempo reale su tutte le notizie del nostro quotidiano online: salva il numero 3288234063, invia ISCRIVIMI e metti "mi piace" al nostro gruppo ufficiale 

 

Change privacy settings