Mancini tuona in Consiglio: altro che centrodestra, a Isernia governa un fritto misto

Valutazione attuale: 0 / 5

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva
 

L'esponente di Alleanza per il futuro critica la gestione d'Apollonio e sottolinea come i partiti della coalizione, da Forza Italia alla Lega, siano compatti sul fronte dell'opposizione


ISERNIA. Il vero centrodestra è coeso, ma siede tra i banchi dell'opposizione. Così Giovancarmine Mancini, esponente di Alleanza per il futuro, commenta a caldo l'esito della seduta del Consiglio comunale di Isernia in cui è stato approvato il rendiconto 2018.

"Noi, la Lega e Forza Italia siamo compatti e non siamo in questa maggioranza, che è composta da un fritto misto che continua a far friggere Isernia e i suoi cittadini - queste le parole del battagliero Mancini - Non voglio che si dica, tra due anni, al momento del voto, che a Isernia ha governato il centrodestra. Noi, il vero centrodestra, governeremo tra due anni, o spero anche prima. Ma noi non c'entriamo nulla con ciò che stanno facendo loro. Siamo al massimo: dimenticano di inserire in bilancio circa 1,2 milioni di euro di fondi assegnati alle scuole, per la San Pietro Celestino e la San Giovanni Bosco. Altro che dilettanti allo sbaraglio, molto di più". Per Mancini il rischio, serissimo, è che se entro agosto quei fondi non saranno rendicontati, il Comune li perderà con grave danno per la città di Isernia. Ma per Alleanza per il Futuro c'è di più: "Sulla famigerata questione dei parcheggi si è scaricato tutto su un dirigente, ma non c'è alcun intervento politico. Lo stesso dicasi - conclude - per i fornitori del Comune, che non vengono pagati nonostante i soldi in cassa ci siano. Non se ne può più".

 

Unisciti al gruppo Whatsapp di isNews per restare aggiornato in tempo reale su tutte le notizie del nostro quotidiano online: salva il numero 3288234063, invia ISCRIVIMI e metti "mi piace" al nostro gruppo ufficiale

 

Change privacy settings