Sanità a rischio chiusura, il Pd: il Governo Salvini-Di Maio ci ha imposto il commissariamento e ci ha dimenticato

Valutazione attuale: 0 / 5

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva
 

Dodici mesi di immobilismo, secondo i consiglieri regionale del Partito Democratico, vanificati tutti gli sforzi e i risultati conquistati dal precedente Esecutivo regionale. “Un anno di colpevole ritardo, ora si danno i numeri al lotto. Questa situazione in cui si fa finta di occuparsi del Molise ma poi non si fa niente, è diventata pericolosissima per i diritti fondamentali e per il mancato sviluppo di questa regione. Se c'è qualcuno a Roma che si occupa del Molise, batta un colpo”


CAMPOBASSO. La Sanità molisana secondo il Partito Democratico e ad un anno dall’insediamento del Governo Toma che, come è noto, a dato il cambio ad un Esecutivo di centrosinistra.

“Dopo un anno di immobilismo – scrivono Facciolla e Fanelli - è ora di darsi da fare per risolvere i problemi, abbandonando il ‘mantra’ di dare sempre la colpa al passato, assumendosi la responsabilità di trovare le soluzioni, finora solo promesse, ma mai perseguite”.

Il segretario regionale del Partito Democratico e il capogruppo in Consiglio regionale ripercorrono le tappe – in tema di sanità - affrontate dal governo precedente.

“Azzerati i 500milioni di disavanzo ereditati, avviati i concorsi. E poi la solidarietà economica ottenuta dalle altre regioni che certificava il credito politico per un governo regionale che, con coraggio, si stava rimboccando le maniche. Conclusione – rimarcano ancora -: dopo anni di blocco del turn over, era ripartita la possibilità di assumere. Poi cambia il governo regionale e nazionale, caambiano di nuovo le regole. I commissari – tecnici e non politici, ma sempre dalla politica indicati – arrivano dopo mesi e mesi, con il dichiarato intento di risolvere ogni problema, superare ogni difficoltà e rilanciare la nostra sanità per la quale nel frattempo si erano create le condizioni per una sua concreta ricostruzione.

Cambiano i governi nazionale e regionale – votati anche per le roboanti promesse in tema di Sanità – e, dopo mesi di immobilismo e incertezze, si arriva alla sessione di Bilancio in Consiglio regionale dove, nonostante lo avessimo chiesto e richiesto per comprendere la situazione finanziaria, i commissari non sono stati auditi, non hanno fornito cifre, creando non poche difficoltà anche per la redazione del bilancio regionale, orfano del nuovo disavanzo che nessuno ha saputo quantificare”.

Il salto nel vuoto è breve. La paventata chiusura dei reparti, a causa della carenza di personale, è davvero dietro l’angolo.

“Di chi è la colpa per un anno di colpevole ritardo? Di chi è la colpa per l'assenza di solidarietà da parte delle altre regioni? E di soluzioni alternative? E soprattutto, ma è possibile capire di quanti milioni si parla? 10, 15, 22? Davvero, tra governo nazionale litigioso e assenza di una vera regia e centro decisionale regionale, si stanno dando i numeri a lotto – continuano gli esponenti del Partito Democratico -. E ora, a tre giorni, pare, dalla chiusura di interi reparti per assenza di medici, ci si rivolge ai cavalieri di non so che.....ma che sistema è?! Solo a noi pare assurda l'anarchia che da oltre un anno vige sulla sanità regionale?”.

Dal Partito Democratico, ricordano, era arrivato anche il suggerimento di consentire l’utilizzo, previa autorizzazione straordinaria, dei fondi Fsc per coprire le eventuali somme.

“Avevamo sollecitato una interlocuzione sul tema direttamente col Presidente del Consiglio Conte, al quale, nella più totale assenza di informazioni, ci rivolgeremo noi dall’opposizione. E al Ministro Salvini, quello che aveva promesso – un anno fa – di riaprire gli ospedali, le strade, le scuole terremotate, gli asili nido, qualcuno ha chiesto conto di qualcosa? Magari sabato scorso in piazza a Campobasso. Perché, nel frattempo, dopo aver negato al Sud i fondi della solidarietà comunale, sta portando a termine il regionalismo differenziato, che darebbe il colpo di grazia al Molise che dice di amare, ma solo a chiacchiere ed in campagna elettorale, salvo poi dimenticarsene subito dopo.

Perché questa situazione in cui si fa finta di occuparsi del Molise, ma poi non si fa niente, è diventata pericolosissima per i diritti fondamentali e per il mancato sviluppo di questa regione. Se c'è qualcuno a Roma che si occupa del Molise, batta un colpo! – incalzano Facciolla e Fanelli - E se c'è qualcuno al governo di questa regione che al di là delle competenze formali ha a cuore le sorti dei molisani, si renda attore. Non ci possono essere più spettatori colpevoli. Non esistono solo le campagne elettorali. Altrimenti per svegliare questo governo leghista e grillino che ci ha imposto commissariamenti e ci ha abbandonato, davvero sarà necessario l'esercito, di cui i loro commissari, non riuscendo a fare nulla per la sanità, ne chiedono l’intervento, primo caso unico nella storia della Repubblica Italiana. Perché è ormai chiaro, al Molise è stata dichiarata guerra istituzionale. E finiti i proclami e le elezioni, sul terreno resta solo l’incapacità certificata e i conseguenti disastri economici e sociali…che ancora ci si ostina a non riconoscere in tutta la loro gravità ed immanenza”.

Unisciti al gruppo Whatsapp di isNews per restare aggiornato in tempo reale su tutte le notizie del nostro quotidiano online: salva il numero 3288234063, invia ISCRIVIMI e metti "mi piace" al nostro gruppo ufficiale

Change privacy settings