Morì per un’emorragia cerebrale, Ortis (M5s) al ministro Grillo: chiarezza sul caso Cesaride

Morì per un’emorragia cerebrale, Ortis (M5s) al ministro Grillo: chiarezza sul caso Cesaride

Valutazione attuale: 0 / 5

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva
 

In un’interrogazione parlamentare la richiesta di chiarimenti sulla tempestività della diagnosi, per la mancata funzionalità della Tac a Termoli e sul trasferimento a San Giovanni Rotondo, in ambulanza e non in elicottero. Sul caso, lo scorso anno, era stata predisposta un’ispezione cerebrale


CAMPOBASSO. Un’interrogazione al ministro della Salute, Giulia Grillo, per avere ragguagli su uno dei più clamorosi e tragici casi della storia della sanità molisana: la morte di Michele Cesaride, 47enne di Larino deceduto il 19 luglio 2018 a seguito di un’emorragia cerebrale.

A presentarla il senatore del M5s Fabrizio Ortis, che a distanza di quasi un anno dai fatti chiede chiarezza a seguito dell’ispezione ministeriale disposta all’epoca presso l’ospedale di Termoli e sull’eventuale adozione di provvedimenti per il ripristino di una situazione di pieno funzionamento del sistema sanitario regionale, per garantire ai cittadini il diritto alla salute".

"Cesaride, nonostante la sospetta emorragia cerebrale, “non sembra aver ricevuto alcun trattamento adeguato a tale patologia – dichiara il senatore - Di più: gli esami necessari per appurare la diagnosi non furono effettuati, in quanto la Tac della struttura termolese era in manutenzione programmata; eppure, stando a quanto asserito dal presidente della Regione Molise, Donato Toma, il Servizio sanitario di urgenza ed emergenza medica sarebbe stato potenziato proprio per sopperire alla chiusura dei punti di primo intervento di Larino e Venafro”.

Resta il fatto, ha aggiunto il parlamentare pentastellato, che il 118 non sembra essere stato a conoscenza dell’inutilizzabilità, in quel frangente, della Tac al ‘San Timoteo’. Inoltre, anche fosse stata funzionante, nulla si sarebbe potuto fare, data la mancanza di personale specializzato e di attrezzature adeguate.

A ciò si aggiunga che “dopo ben due ore di inutile sosta a Termoli – ricorda Ortis - il paziente fu portato all’ospedale Casa sollievo della sofferenza di San Giovanni Rotondo, nel foggiano. Nonostante i quasi novanta chilometri di distanza e l’indegna viabilità molisana, il trasferimento avvenne ancora in autoambulanza, non in elisoccorso. La morte cerebrale sopraggiunse durante l’intervento chirurgico. I familiari autorizzarono l’espianto e la donazione degli organi”.

Il caso, che dimostrava un’evidente falla nella rete dell’emergenza-urgenza, ebbe rilevanza nazionale, tanto che il Ministro Grillo “dispose un’ispezione per la struttura ospedaliera termolese – rimarca ancora Ortis - dichiarando come occorresse accertare le inefficienze organizzative, le eventuali responsabilità personali ma anche gli errori causati da una cattiva programmazione della politica regionale”.

Di qui l’interrogazione, nella quale il senatore chiede di sapere “quali siano le risultanze dell’ispezione disposta” e se il ministro “intenda adottare gli opportuni provvedimenti affinché sia ripristinata una situazione di pieno funzionamento del sistema sanitario regionale, così garantendo ai cittadini il diritto alla salute”.

Unisciti al gruppo Whatsapp di isNews per restare aggiornato in tempo reale su tutte le notizie del nostro quotidiano online: salva il numero 3288234063, invia ISCRIVIMI e metti "mi piace" al nostro gruppo ufficiale

Privacy Policy