Gravina e il nodo Giunta: Giannubilo dice no e tra i tecnici spunta la ‘quota rosa’

Gravina e il nodo Giunta: Giannubilo dice no e tra i tecnici spunta la ‘quota rosa’

Valutazione attuale: 0 / 5

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva
 

Esterno sarà il titolare del Bilancio, non è chiaro se l’altra pedina sarà Lavori pubblici o Cultura. Incarichi e deleghe entro la prossima settimana, per avere un esecutivo operativo prima di Corpus Domini e della visita di Luigi Di Maio


di CARMEN SEPEDE

CAMPOBASSO. Giunta a quattro, con due assessori esterni. Tra i tecnici anche la ‘quota rosa’. Questa la soluzione alla quale starebbe lavorando il nuovo sindaco Roberto Gravina, intenzionato a partire con un esecutivo ristretto, a quattro assessori appunto, da allargare poi a sei.

Un esecutivo nel quale potrebbero essere due, e non uno soltanto, gli assessori esterni. Quello al Bilancio e alle finanze, quasi certamente. Tra i nomi circolati quello di Sergio Guacci. Da capire se delega esterna sarà anche quella ai Lavori pubblici e all’urbanistica o alla Cultura. 

Intanto, qualche dettaglio però trapela. A partire dal fatto che, tra i possibili assessori, per la delega alla Cultura era stata individuata la figura di Pierpaolo Giannubilo, semifinalista al ‘Premio Strega’. Che ha quanto pare ha però declinato l’invito, per dedicarsi a tempo pieno all’attività di scrittore, oltre che a quella di insegnante.

Sarebbe stato così individuato un altro profilo, quello di una donna, la quota rosa appunto, una professionista molto conosciuta in città. Tra le ipotesi quella di Nella Rescigno, presidente dell'Iresmo. Il colloquio con Gravina però, stando ai ‘rumors’, non sarebbe ancora avvenuto, visto l’impegno del sindaco, oggi a Roma a Palazzo Chigi, per partecipare al Tavolo istituzionale del Contratto di sviluppo del Molise, presieduto dal premier Giuseppe Conte.

Intanto sembra confermato l’assessorato per Simone Cretella, il più votato del M5s, più interessato all’ambiente che ai Lavori pubblici, a quanto sembra, mentre restano anche in campo anche i nomi di Antonio Vinciguerra, Luca Praitano e Paola Felice, tanto più che da assegnare c’è anche la casella di presidente del Consiglio. Gli altri nomi in campo Giovanna Falasca, per la Cultura e Lorenzo Sallustio.

Incarichi e deleghe che Gravina intende affidare a breve, forse già la prossima settimana, per avere una Giunta operativa prima di Corpus Domini, in considerazione della visita di Luigi Di Maio, che il 23 giugno sarà a Campobasso per la sfilata dei Misteri, come ha confermato.

Il primo Consiglio comunale, presieduto nella prima seduta da Salvatore Colagiovanni, il consigliere ‘anziano’, vale a dire il consigliere che ha ottenuto più voti, si riunirà invece entro fine giugno. Gravina dovrà infatti convocare la riunione entro dieci giorni dalla proclamazione degli eletti, avvenuta l’11 giugno. E la seduta dovrà tenersi nei dieci giorni successivi. Come da regolamento comunale.

Unisciti al gruppo Whatsapp di isNews per restare aggiornato in tempo reale su tutte le notizie del nostro quotidiano online: salva il numero 3288234063, invia ISCRIVIMI e metti "mi piace" al nostro gruppo ufficiale

Privacy Policy