Cis Molise in riunione senza Conte: presentati i nuovi progetti del Comune di Campobasso

Valutazione attuale: 0 / 5

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva
 

Per gli impegni del premier a Bruxelles, alla riunione straordinaria del Consiglio Europeo



CAMPOBASSO. Gli impegni del premier Giuseppe Conte, a Bruxelles per partecipare alla riunione straordinaria del Consiglio europeo, non fermano il procedimento del Contratto istituzionale di sviluppo del Molise.

La riunione, programmata per le 12, si è svolta a Palazzo Chigi. In rappresentanza del premier il consigliere delegato per il Mezzogiorno Gerardo Capozza, con il capo di gabinetto del presidente del Consiglio e l’amministratore delegato di Invitalia Domenico Arcuri. In rappresentanza del Molise il governatore Donato Toma, i sindaci di Campobasso e Isernia Roberto Gravina e Giacomo d’Apollonio e i rappresentanti delle due Province di Campobasso e Isernia.

Nella riunione sono stati presentati i due nuovi progetti del Comune di Campobasso, al quale il sindaco Gravina ha lavorato con i dirigenti e lo staff tecnico di Palazzo San Giorgio. A partire dalla proposta di realizzare un nuovo sistema di mobilità nel centro storico, con un sistema di ascensori e una funicolare che colleghi il borgo e la collina Monforte all’area del castello. Progetto che si completa con la realizzazione di parcheggi multipiano e a raso, in via Sant’Antonio Abate e nella zona dell’Agenzia delle entrate. L’altra idea del Comune prevede il collegamento tra la frazione di Santo Stefano e la strada del Rivolo.

Soluzioni che Gravina ha avuto modo di presentare e di spiegare nel dettaglio, riscuotendo consenso da parte dei delegati del presidente del Consiglio. Quella che riguarda il centro storico, in particolare, è stato apprezzata in relazione alla strategicità e alle prospettive di sviluppo che propone.

Tuttavia, in questa fase Invitalia, l’Agenzia nazionale per l’attrazione degli investimenti e lo sviluppo d’impresa, non ha ancora valutato compiutamente tutti i programmi presentati e quindi, nella seduta di oggi, si è provveduto a stabilire innanzitutto i criteri di selezione e valutazione.

L’appuntamento davvero importante sarà quello del 9 luglio, alle ore 18, sempre a Palazzo Chigi, quando, con il premier Conte presumibilmente presente, saranno individuati i progetti che avranno accesso al primo lotto di finanziamenti (220 milioni disponibili per questa prima tranche) che potranno essere attuati e partire in pochi mesi. Le proposte, presentate da 115 amministrazioni, sono intanto salite a 351, per una richiesta complessiva di oltre 2 miliardi di euro.

“Siamo soddisfatti di come è stato recepito il nostro modo di intendere strategicamente i piani progettuali presentati per il Contratto istituzionale di sviluppo – ha dichiarato Gravina al termine dell’incontro – Oltre a vederci pubblicamente riconosciuta la solerzia, con la quale abbiamo affrontato in poche settimane la situazione, riuscendo a presentare in questa sede odierna ben due progetti nuovi e differenti, l’interesse riscosso dalla nostra idea di mobilità nel centro storico cittadino e la forte rispondenza riscontrata rispetto alle linee di valutazione che verranno adottate, ci rendono fiduciosi per ciò che potrà accadere nel prossimo futuro.”

Carmen Sepede