Giustizia, carenze d’organico ‘colmate’ dalla Regione: firmato il protocollo d’intesa

Giustizia, carenze d’organico ‘colmate’ dalla Regione: firmato il protocollo d’intesa

Valutazione attuale: 0 / 5

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva
 

Siglato l’accordo che consente di ‘distaccare’ personale con qualifica non dirigenziale presso le Procure di Campobasso, Isernia e Larino e presso il Tribunale per i minorenni


CAMPOBASSO. Questa mattina, presso il Palazzo di Giustizia, il presidente Donato Toma e il procuratore generale Guido Rispoli hanno firmato il protocollo d'intesa che disciplina l'attivazione dell'istituto dell'utilizzazione in posizione di distacco per il personale, con qualifica non dirigenziale, dipendente della Regione Molise e degli Enti rientrati nel cosiddetto ‘Sistema Regione’, comprese le società partecipate.

Il personale che manifesti la propria disponibilità a seguito di un avviso interno, tenendo conto delle specifiche professionalità richieste, potrà essere distaccato presso la Procura generale della Repubblica, le Procure della Repubblica di Campobasso, Isernia e Larino e la Procura della Repubblica per i minorenni di Campobasso.

Qualche mese fa è stata rappresentata alla Regione Molise la grave carenza di personale amministrativo con cui si trova a dover fare i conti la Giustizia nel Molise. Una situazione a dir poco preoccupante, in ragione della quale è stata proposta una collaborazione interistituzionale, affinché, in modo anche parziale e temporaneo, si potessero colmare le carenze di organico: ciò al fine di garantire la piena funzionalità della Giustizia sul territorio regionale.

Le strutture hanno lavorato alacremente, hanno dialogato, si sono ampiamente confrontate e, grazie a questo prezioso lavoro, nel giro di poco più di due mesi, è stato possibile arrivare alla stipula del protocollo di intesa.

Il periodo di assegnazione avrà una durata di dodici mesi, trascorsi i quali, fatto salvo un eventuale diverso accordo intervenuto tra le parti, i dipendenti torneranno presso l'Amministrazione di appartenenza. Sarà, inoltre, possibile rinnovare l'accordo, anche apportando modifiche dovute a novazioni legislative e/o organizzative.

Un protocollo d’intesa con grande valenza politico-istituzionale poiché si muove nella direzione di una leale e proficua collaborazione tra Pubbliche amministrazioni. Una best practice, un esempio virtuoso - è stato fatto notare - che la Regione è disponibile a replicare anche in altri contesti.

Unisciti al gruppo Whatsapp di isNews per restare aggiornato in tempo reale su tutte le notizie del nostro quotidiano online: salva il numero 3288234063, invia ISCRIVIMI e metti "mi piace" al nostro gruppo ufficiale

Privacy Policy