Niente fondi per le corse dei bus, stipendi a rischio. Niro: Campobasso inadempiente, chiederemo il rimborso

Niente fondi per le corse dei bus, stipendi a rischio. Niro: Campobasso inadempiente, chiederemo il rimborso

Valutazione attuale: 0 / 5

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva
 

Un cartello comparso nella sede della Seac avverte i dipendenti, dalla Regione spiegano che l’Amministrazione comunale non ha ottemperato alle normative e che, non appena conclusa l’istruttoria, sarà richiesta la restituzione dei contributi in più erogati e incassati. Prima grana per l’assessore Cretella che ha avviato una ricognizione con la struttura tecnica e incontrerà a breve l’azienda


CAMPOBASSO. Il cartello è comparso ieri e ha mandato in tilt il personale. La Seac comunica che, “a causa della mancata erogazione da parte del Comune di Campobasso dei contributi di esercizio gennaio-giugno 2019, si comunica che il prossimo 12 luglio sarà erogata regolarmente la paga di giugno 2019, al contrario invece non sarà corrisposta la 14esima mensilità il giorno 20 dello stesso mese. Dovesse continuare questa situazione anche per i mesi successivi potrà essere corrisposto soltanto il 50% della paga”.

Il rischio non è solo su carta. E lo spiega nel dettaglio l’assessore Niro, che in Regione Molise si occupa della ‘grana’ trasporti.

vincenzo niro 2

“La Seac ha ragione – dice subito senza possibili fraintendimenti -, il Comune di Campobasso è inadempiente e il nuovo Sindaco lo sa bene visto che, quando era in minoranza, ne abbiamo parlato spesso di questa situazione”.

Vincenzo Niro ‘avverte’ i nuovi inquilini di Palazzo San Giorgio che a breve, non appena terminata l’istruttoria, la Regione avvierà anche l’azione amministrativa per il recupero dei rimborsi in più concessi.

Tre i profili di inadempienza che ‘bloccano’ le procedure di trasferimento dalla Regione al Comune di città che ha ottenuto, su un totale di 1100 chilometri, un contributo del 75% e mai ha coperto la restante parte.

“Il contributo in funzione della percorrenza e non standard, il non aver mai espletato la gara per il trasporto pubblico urbano, ormai obbligatoria per legge e che, a sua volta, consente di poter richiedere ed ottenere il contributo. E, inoltre, il non aver mai adeguato le tariffe. Li abbiamo invitati più volte ad ottemperare. Termoli l’ha fatto, Campobasso e Isernia no”.

L’assessore Cretella, da pochissimi giorni alla guida di un settore complicato, ha già avviato una fase di ricognizione con la struttura tecnica del Comune e a breve incontrerà anche i vertici della Seac.

Lucia Sammartino

 

 Unisciti al gruppo Whatsapp di isNews per restare aggiornato in tempo reale su tutte le notizie del nostro quotidiano online: salva il numero 3288234063, invia ISCRIVIMI e metti "mi piace" al nostro gruppo ufficiale

Privacy Policy