Isernia, 700mila euro per i ‘Percorsi nella storia’: la Provincia rilancia il turismo

Valutazione attuale: 0 / 5

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva
 

Il progetto ha ottenuto il finanziamento dal Cis Molise per la valorizzazione dei siti e il miglioramento dell’accessibilità e rendere più armonica la rete degli itinerari


ISERNIA. Valorizzare i siti storici e archeologici, migliorare l’accessibilità, creare nuovi itinerari e promuovere l’offerta turistica. Si chiama ‘Percorsi nella storia’ il progetto presentato dalla Provincia di Isernia che ha ottenuto un finanziamento di circa 700mila euro dal Contratto Istituzionale di Sviluppo del Molise.

conte di pasqualeUn risultato importante per l’ente di via Berta guidato dal presidente facente funzioni Roberto Di Pasquale e la possibilità concreta di scommettere sul turismo per rilanciare l’economia locale.

Attraverso il progetto la Provincia intende predisporre un’offerta turistica aperta a tutti, mettendo a punto i servizi che consentano a persone con bisogni speciali di fruire della vacanza e del tempo libero senza difficoltà, autonomamente e in sicurezza. Il tutto attraverso una serie di interventi di miglioramenti dell’accessibilità.

Previsto pertanto l’abbattimento delle barriere architettoniche e la creazione di strutture che consentano l’accesso e la fruizione ad disabili nei luoghi di interesse turistico. Altro obiettivo poi è quello di realizzare percorsi autoguidati per non vedenti e ipovedenti, l’installazione di audio-guide e di supporti informatici applicativi per la visita ai luoghi di interesse, la predisposizione di percorsi di visita tattile.

L’altro asse progettuale, invece, prevede la realizzazione di una serie di percorsi adatti ad una fruizione che meglio si ‘sposa’ con le caratteristiche dei luoghi in cui le tante ‘impronte’ della storia sono immerse in un ambiente naturale, rigoglioso e suggestivo. Sul territorio sono già numerosi i percorsi in natura percorribili a piedi, a cavallo, in bike o in carrozzina, ma il problema è che – al momento - si presentano disarticolati e discontinui, non essendo mai stati sviluppati secondo una visione unitaria e funzionale come sistema di rete.

Change privacy settings